Unità di Crisi Aziendale, l’ASP avvia il nuovo organismo per monitorare l’emergenza e intervenire

E’ stata istituita dall’ASP di Trapani una Unità di Crisi Aziendale al fine di garantire un’efficace gestione delle problematiche legate al rischio sanitario da Covid-19. La struttura, come previsto dalla circolare assessoriale del 20 maggio scorso, è presieduta dal direttore sanitario, quindi Gioacchino Oddo, ed ha il compito di proporre, coordinare e monitorare gli interventi di contenimento e sorveglianza sanitaria connessi alla emergenza sanitaria messi in atto dall’Asp di Trapani. Monitoraggio di protocolli sulle misure di sicurezza e contenimento Covid  all’interno dei Presidi Ospedalieri e delle procedure per la tempestiva individuazione dei soggetti contagiati, pianificazione di specifiche azioni di isolamento, “contact tracing” e sorveglianza sanitaria attiva, monitoraggio dei flussi informativi e della reportistica sull’andamento epidemico, sono alcune fra le specifiche competenze dell’Unità di Crisi Aziendale.

La struttura, coordinata da Francesco Di Gregorio, Direttore del Dipartimento di Prevenzione, è composta anche Gaspare Canzoneri, Direttore dell’Unità Operativa Complessa Epidemiologia e Medicina Preventiva nonché direttore del distretto sanitario di Alcamo; Giuseppa Candela, Referente Sistema Sorveglianza ISS; l’alcamese Mariano Lucchese, Direttore del Dipartimento dei Servizi e delle Scienze Radiologiche. Partecipano alla pianificazione dell’emergenza anche esperti direttamente coinvolti nei processi specifici di gestione. Fra questi anche Ranieri Candura, Coordinatore sbarchi mmigranti; il calatafimese Mario Minore, Responsabile Gestione Emergenza Urgenza Rete Ospedale/Territorio e alcuni primari.

Sempre nell’ambito dei provvedimenti finalizzati a fronteggiare l’emergenza epidemiologica, la direzione strategica dell’ASP di Trapani ha, inoltre, stabilito una serie di misure finalizzate al potenziamento delle strutture e del personale medico/sanitario sul territorio. In particolare sono stati assunti a tempo determinato due dirigenti medici di Igiene da assegnare al Dipartimento di Prevenzione, che insieme alle USCA dei sei Distretti sanitari delle province, alle Unità Speciali di Continuità Assistenziale Turistica di Trapani e Pantelleria, e ai servizi di Igiene Pubblica distribuiti nei 24 comuni della provincia, sta fronteggiando l’emergenza su diversi fronti sanitari.