Week-end senza pediatri in guardia medica ad Alcamo. Spesso manca il personale

0
225

Non è stata ancora risolta la carenza di pediatri nel distretto sanitario di Alcamo.  Una vicenda che va avanti da quasi un anno e che comporta spesso, nei week-end, la scopertura del servizio di guardia medica pediatrica. nel giugno scorso il commissario dell’ASP dell’epoca, Vincenzo Spera, si era impegnato affinché nell’arco di un paio di settimane venissero completati gli organici anche ricorrendo ad emolumenti extra incentivanti, pure orari, chiamando in servizio, seppur volontariamente, medici di medicina generale. Qualcosa è stato fatto, anche l’attivazione di un numero verde per servizi di continuità emergenziale, la carenza di pediatri sul territorio di Alcamo e degli altri comuni del distretto rimane evidente. Aumentano quindi i rischi per i piccoli pazienti quando, nei week-end o nei festivi, non si trova alcun pediatra da assegnare alla guardia medica. In caso di emergenze e problemi bisogna quindi raggiungere, nella migliore delle ipotesi, l’ospedale Civico di Partinico oppure il Sant’Antonio Abate di Trapani. Nel dicembre scorso anche il consiglio comunale di Castellammare del Golfo era sceso in campo sulla vicenda. Sono stati votati all’unanimità due ordini del giorno inviati all’assessorato regionale alla Salute e all’ASP di Trapani. Il documento, dopo avere sollevato tutta una serie di carenze, chiedeva proprio la continuità assistenziale pediatrica, 24 ore su 24, per l’intero territorio castellammarese. I consiglieri comunali avevano anche richiesto, per la salute dell’intera popolazione, anche la presenza costante di un’ambulanza medicalizzata. Una serie di interlocuzioni fra amministratori comunali ed ASP ma i problemi, seppur in maniera più ridotta, esistono ancora. Nei week-end, spesso e volentieri, mancanza di pediatra in quanto quelli di famiglia, come i medici, sabato e domenica tengono chiusi i loro ambulatori.