ASP, distretto Alcamo, sistema di prenotazione difettoso?

Di Laura LombardoDa Alcamo ad Erice per sentirsi dire che non c’era nessuna visita prenotata a suo nome.

All’ufficio prenotazione del distretto sanitario alcamese dell’Asp, in Viale Europa, è stata prenotata una visita specialistica a nome di un residente alcamese, da effettuarsi alla cittadella della salute di Erice Casa Santa. La visita sarebbe dovuta avvenire stamattina, 13 gennaio. Ma all’arrivo in ospedale, il paziente scopre di aver fatto il viaggio a vuoto e di aver preso un permesso di lavoro a vuoto, poichè il medico non si sarebbe neppure presentato in sede. Il portale elettronico, consultato dal personale ambulatoriale, riportava chiaramente che lo specialista in quella mattinata avrebbe dovuto svolgere visite a domicilio e non in ospedale, e all’attivo infatti non c’era alcun paziente prenotato nella sede della cittadella.

Insomma nel sistema telematico consultato ad Erice Casa Sanata non risultava alcuna prenotazione, anche se gli impiegati dell’ufficio ASP di Viale Europa ad Alcamo hanno, a detta loro, fissato la visita, sempre telematicamente, consultando l’agenda del medico. Come mai ciò che risulta all’ufficio di Alcamo non è quanto risulta anche nella sede centrale? Si tratta di un sistema finemente integrato o di uno non molto funzionale? La dottoressa Tiziana Sardo, addetta alla gestione degli ambulatori all’ASP di Trapani, presente alla cittadella della salute quando il fatto è accaduto, ha potuto notare che il foglio presentato dal paziente alcamese, rilasciato dal distretto alcamese, che avrebbe dovuto costituire prova della prenotazione della visita, non presentava il formato corretto. Si trattava, a detta della Sardo, di un’accettazione diretta e non di una vera e propria prenotazione. Due formati interamente diversi a quanto pare. Non si capisce dunque perché gli uffici alcamesi abbiano proceduto a rilasciare un documento diverso rispetto a quello che era stato effettivamente richiesto dall’utente. Si tratta di un errore umano, o della mancata formazione del personale operante che non conosce la differenza tra i due formati o forse di un mancato coordinamento interno tra uffici ASP? Un rebus irrisolvibile al momento, e un disservizio, particolarmente irritante, che non molti utenti della provincia vorrebbero trovarsi ad esperire.