ZES Sicilia Occidentale, 57 milioni. Assenti Alcamo e Castellammare, cittadine in cui vive Turano

Oltre 100 milioni del Pnrr sono stati assegnati alle otto Zes siciliane per investimenti infrastrutturali necessari a realizzare i cosiddetti “corridoi” di collegamento che faciliteranno il trasporto delle merci da e verso l’Europa in chiave Mediterraneo. “Possiamo dirlo senza timore di sbagliare – ha affermato l’assessore regionale Mimmo Turano –; se non avessimo premuto l’acceleratore per l’istituzione delle Zone economiche speciali in Sicilia oggi saremmo a commiserarci per essere stati tagliati fuori dalla dote di 630 milioni che il Piano nazionale per la ripresa e la resilienza ha destinato alle Zes. Grazie al lavoro fatto dal governo Musumeci non è andata così – ha concluso Turano”.

Le risorse del Pnrr, più di 630 milioni, saranno destinate alle otto Zes meridionali (Abruzzo, Calabria, Campania, Ionica interregionale Puglia-Basilicata, Adriatica interregionale Puglia-Molise, Sicilia Orientale e Sicilia Occidentale).  Il decreto di riparto assegna quasi 57 milioni alla Zes Sicilia occidentale e poco più di 54 a quella della Sicilia orientale. Dovranno servire per realizzare le infrastrutture necessarie a collegare le aree delle Zes alla Rete nazionale dei trasporti e con essa alle Reti trans-europee.

Per la Zes Sicilia occidentale sono già pronti a partire anche gli interventi per il collegamento tra il porto di Trapani e l’area industriale della stessa cittadina. “Certamente adesso non staremo qui ad auto-elogiarci per la nostra lungimiranza sulle Zes – ha concluso l’esponente alcamese della giunta regionale -; adesso serve correre per realizzare entro il 2026 gli interventi previsti. In questo contesto è più che mai indispensabile la nomina dei Commissari per le due Zes siciliane”.

Una curiosità comunque va segnalata. Nella ZES Sicilia occidentale non sono presenti né Alcamo e nemmeno Castellammare del Golfo, guarda caso comuni di residenza e di origine dell’assessore Mimmo Turano. Ne fanno invece parte, fra gli altri, Calatafimi, Carini, Cinisi, Custonaci, Marsala, Mazara del Vallo, Partinico, Salemi, Santa Ninfa e Trapani.