Danni all’hub vaccinale di Alcamo. L’ASP si assume l’onere, lavori da domattina

Sarà l’ufficio tecnico dell’ASP di Trapani, con fondi e personale propri, ad intervenire per ripristinare al 100% la funzionalità del Paladangelo, da mesi trasformato in hub vaccinale distrettuale. Già domattina cominceranno gli interventi che andranno avanti senza la necessità di chiudere la struttura. Tutto era stato causato da un problema di progettazione ai pozzetti che si trovano nello spiazzale a monte del palasport. Così, il 24 ottobre scorso, l’acqua piovana penetrò all’interno e le scalinate dell’impianto sportivo si trasformarono in piccole ma tumultuose cascate. S’inzuppò profondamente il parquet di legno, sollevandolo e danneggiandolo in più punti. Il “PalaDangelo” di Alcamo, per un motivo e per un altro, è purtroppo sempre soggetto a una cattiva stella.

Personale del comune e dell’ASP, dopo l’allagamento, ha sistemato le cose alla meno peggio. Gli spazi dell’hub vaccinale sono stati quindi ridotti. Uno dei due corridoi è stato chiuso e le sale d’attesa pre e post-vaccino sono state in pratica dimezzate. Con grande impegno anche delle associazioni di volontariato è stato realizzato dapprima un gazebo all’esterno ma poi, con l’arrivo di piogge e temperature più basse, è stata allestita un’area di attesa nell’ampio corridoio degli spogliatoi. Il problema è stato così arginato ma con il previsto aumento del numero delle vaccinazioni al giorno c’era il rischio che alcuni categorie potessero ritornare a vaccinarsi negli angusti locali dell’ospedale San Vito e Santo Spirito.

Dopo un mese da quell’allagamento e dopo il consueto scaricabarile fra comune di Alcamo, gestore del palasport, protezione civile e azienda sanitaria provinciale, l’ASP ha quindi tagliato la testa al toro e domani farà partire i lavori di ripristino delle aree di attesa e del secondo corridoio. Scongiurata quindi un’altra lunghissima attesa per l’impianto di contrada Sant’Anna che, prima di riaprire come hub vaccinale, era rimasto chiuso e vandalizzato per circa 8 anni. Durante i primi tre il palasport era ancora in carico all’ex provincia regionale mentre negli ultimi 5 è stato acquisito, in gestione, dal comune di Alcamo.