Segreteria pastorale, primo consiglio aperto da mons. Raspanti. Focus sulla sinodalità

Si è insediato ieri il nuovo Consiglio regionale della Segreteria pastorale della Conferenza episcopale siciliana che guiderà il quinquennio 2023/2027. Ne fanno parte i direttori degli Uffici regionali nominati dai vescovi di Sicilia nel corso dell’ultima sessione di lavoro, riunitisi nella sede della CESI a a Palermo, convocati dal Presidente della Segreteria pastorale, Guglielmo Giombanco, vescovo di Patti. All’incontro ha preso parte anche il Presidente della Conferenza episcopale siciliana, l’alcamese Nino Raspanti, vescovo di Acireale, che ha aperto i lavori e ha dato ai neo eletti il proprio inaugurale benvenuto, anche a nome dei pastori delle Chiese di Sicilia: “È desiderio dei vescovi – ha detto Raspanti – che si realizzi insieme una visione del cammino delle Chiese di Sicilia nel quale tutte le diocesi, ciascuna con le proprie peculiarità e la propria autonomia, si ritrovino e convergano per uno sviluppo globale delle nostre Chiese e della nostra terra“. Il primo Consiglio regionale della Segreteria pastorale, che comunque entrerà in carica ufficialmente il primo gennaio prossimo, ha avuto al centro dei lavori la sinodalità. Uno dei punti all’ordine del giorno è stato, infatti, dedicato al cammino sinodale nelle Chiese di Sicilia.