‘Danilo Dolci’ di Partinico , studenti serali preparano buffet per grande evento

“La questura, Palermo, il Massimo”, questo il grande evento svoltosi in un die teatri più belli d’Italia, il Teatro Massimo di Palermo appunto, organizzato anche per dare lustro alle tante vittime della mafia, qualcuna magari anche un po’ dimenticata. Un ruolo prestigioso e importante per l’iniziativa lo hanno svolto studenti e studentesse dei corsi serali dell’istituto scolastico ‘Danilo Dolci’ di Partinico che hanno curato il rinfresco conclusivo con piatti e sapori di assoluto rilievo.

La serata, che ha visto anche la presenza del  questore di Palermo Leopoldo Laricchia, del Prefetto Maria Teresa Cucinotta e di tante autorità civili e militari, ha avuto come appuntamento centrale uno spettacolo, presentato da Salvo La Rosa e realizzato dallo Brass Group e dal Gospel Project, dal titolo “Siamo a mare – Parole e musica – L’importanza del ricordo”, dedicato a tutte le vittime della mafia. Un grande evento nell’evento, con la partecipazione di numerosi artisti, organizzato dalla Questura di Palermo, con l’associazione ‘Per onorare la memoria dei Caduti nella lotta contro la mafia’ e con il Comune di Palermo.

A conclusione un momento augurale presso la sala pompeiana del Teatro Massimo con le portate preparate dagli studenti dell’istituto scolastico partinicese diretto dal preside Gino Chimenti. Nella stessa serata, il questore di Palermo ha deciso di donare ai poveri delle comunità guidare da fratel Biagio Conte tutto il buffet che i cuochi e gli studenti avevano preparato per la serata. Al termine della serata il Dirigente Scolastico Gino Chimenti ha manifestato grande soddisfazione per l’impeccabile organizzazione messa in campo e ha ringraziato le studentesse e gli studenti, i docenti e i collaboratori scolastici, gli assistenti tecnici di cucine e gli autisti del ‘Danilo Dolci’ per il grande lavoro svolto fino alle due di notte.