Coraggio e grande cuore, infermiere alcamese nelle pericolose RSA della Liguria

da sinistra, Borrelli con Provenzano e quest'ultimo con tuta protettiva

Ma chi glielo fa fare? E’ questa la prima domanda che sorge spontanea di fronte ad azioni così coraggiose con cui si mette sé stessi per salvare il salvabile, in altre parole la salute di tanti simili. Dopo il radiologo Mario Vallone, volontario ad Aosta, adesso un infermiere alcamese di 49 anni, Enzo Provenzano, ha lasciato il suo posto di ruolo al “Di Cristina” di Palermo per correre ad aiutare in Liguria. Qui è stato dislocato nelle pericolose RSA dove si contano decine di decessi e di contagi. Ed ora anche il fratello Tony, anche lui infermiere, è pronto a seguire il ‘coraggioso’ Enzo