Castellammare del Golfo-In partenza attività per bimbi dai 18 mesi ai 3 anni: istanze aperte

0
355

In partenza il servizio spazio-gioco a Castellammare del Golfo. Inizio attività programmata dall’1 dicembre e prevista per il prossimo 30 giugno. Un servizio aperto a bambini tra i 18 mesi ed i tre anni che potranno essere inseriti in due differenti sezioni: una denominata proprio “spazio gioco” della durata di 5 ore giornaliere, dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 13 senza pasto e si terrà nei locali dell’asilo nido di contrada Bocca della Carruba e questa dedicata ai bimbi sino ai 24 mesi; un’altra, denominata “sezione primavera” di 5 e 6 ore, nell’ultimo caso con pasto compreso, per bimbi dai 24 ai 36 mesi che saranno ospitati nei locali degli istituti comprensivi. Le istanze possono essere presentate all’ufficio protocollo del Comune entro il prossimo 17 novembre e verrà tenuto in conto, in caso di sovrannumero, il solo ordine cronologico per la presentazione della domanda di iscrizione. In tutto 20 le scrizioni per lo “Spazio gioco” e la retta mensile d’inserimento, a seconda del reddito Isee, varierà da un minimo di 40 euro ad un massimo di 125; sono invece 25 i posti disponibili per la sezione “primavera” senza i pasti ed in questo caso la retta varierà da 40 a 125 euro; infine per la sezione “primavera” con pasti, anche qui con 25 posti disponibili, si pagherà da un minimo di 60 ad un massimo di 200 euro. L’attività è finanziata dal distretto socio-sanitario numero 55 con i fondi del Pac, il piano di azione e coesione. Per Castellammare del Golfo si tratta di un’importante novità dal momento che non vi sono servizi di carattere educativo e ludico rivolti a bambini tra i 18 mesi ed i tre anni. Una vera iattura per le famiglie castellammaresi con entrambi i genitori lavoratori, con difficoltà quindi a chi lasciare i propri figli piccoli. Il progetto è finanziato con i fondi del Piano di Azione e Coesione in favore dell’infanzia e consiste nell’attivazione di servizi integrativi in favore dei bambini e delle loro famiglie residenti a Castellammare. Il progetto si propone di implementare un ‘Servizio Integrativo’ destinato alle famiglie nel quale si accolgono i bambini 0-3 anni, anche in modo non strettamente esclusivo, insieme ai loro genitori o ad altri adulti accompagnatori. In sostanza, si tratta di servizi educativi importanti sia per i bambini che per i genitori ma, al contempo, di servizi non assimilabili al nido per quanto concerne la conciliazione fra attività di cura ed attività di lavoro.