Alcamo: rissa, 5 giovanissimi denunciati

Un pallone bucato è stato il motivo che ha scatenato una violenta rissa. A sfidarsi a suon di calci e pugni sono state due fazioni di giovanissimi alcamesi e rumeni che si sono dati appuntamento in pieno centro storico. Ne è nata una furibonda lite: 5 le persone coinvolte, tutte denunciate per rissa, e tre di loro sono finite all’ospedale San Vito e Santo Spirito di Alcamo anche se con lievi ammaccature e nulla di più, fortunatamente. Teatro della rissa la centralissima piazza della Repubblica, all’altezza di un’attività commerciale che è un vero e proprio ritrovo per i rumeni specie nel pomeriggio. Ed è proprio qui che i giovani alcamesi, in due secondo i primi riscontri, vanno in conmtatto con un gruppetto di tre coetanei dell’est Europa. La gente che si trovava nei pressi ha subito capito che si stava per consumare una sorta di regolamento dei conti. Effettivamente ci sono volute davvero poche chiacchiere per scatenare il violento litigio. In pochissimi minuti i cinque ragazzi, la maggior parte dei quali maggiorenni, sono passati dalle parole alle mani. Prima qualche insulto, poi lo spintone ed infine la colluttazione. I cinque se le sono date di santa ragione, seppur senza usare oggetti contundenti. Con le sole mani hanno cominciato a scatenare una rissa: nella zuffa vanno a segni pugni e calci. Qualcuno però nel frattempo lancia l’allarme a carabinieri e polizia e chiama anche il 118. Interventi provvidenziali quelle delle pattuglie delle forze dell’ordine che riescono a sedare subito la rissa prima che questa potesse degenerare. Non è escluso che la rissa abbia avuto più protagonisti ma che qualcuno sia riuscito a dileguarsi e a farla franca, ecco perché sono ancora in corso sotto questo aspetto degli accertamenti più approfonditi. Polizia e carabinieri hanno messo le mani su cinque sicuri protagonista della violenta contesa: 3 rumeni e 2 alcamesi, i quali sono stati identificati e tutti denunciati per rissa. Ma la vera sorpresa per i carabinieri, che sono i titolari dell’indagine, è stata quella nel momento in cui si è appurato il motivo dell’esplodere di tanta violenza. Ascoltando i 5 giovani denunciati pare che questa rissa sia nata da un episodio futile. Bisogna riavvolgere il nastro a 24 ore prima quando un gruppo di rumeni intento a giocare a pallone per strada si ritrova con il pallone bucato. Secondo le testimonianze raccolte pare che uno degli alcamesi coinvolto nella rissa era in compagnia di un cane e che questi abbia azzannato la sfera bucandola. La questione sembra finire qui ma non è così: l’indomani il gruppetto di rumeni si dirige verso i coetanei alcamesi accusandoli di essere stati loro ad avere bucato il pallone, chiedendo quindi il pagamento del danno. Da qui è nato il regolamento di conti che avrebbe potuto anche avere un epilogo ben peggiore se non ci fosse stato l’immediato intervento delle forze dell’ordine. Tanti gli alcamesi che hanno assistito alla rissa ma nessuno è intervenuto, preferendo fare da spettatori alla violenta scena.