Alcamo: randagismo, costi esorbitanti

0
388

In tempi di vacche magre impossibile non pensare agli oltre 200 mila euro che il Comune di Alcamo ogni anno è costretto a sborsare per mantenere in custodia i cani randagi accalappiati nel territorio e spediti in un canile della Calabria. Da tempo ci pensa l’amministrazione comunale rispetto all’enorme costo che grava sul bilancio in un periodo in cui non è che le condizioni finanziarie siano particolarmente floride a fronte anche dei continui tagli i trasferimenti da parte di Regione e Stato. L’ultimo conto pagato dall’ente municipale alcamese nell’aprile scorso è davvero salato: ben 18 mila euro per un solo mese di servizio gestito dal canile di Mister Dog di Crotone, con cui è stata stipulata una convenzione, per l’espletamento del servizio di cattura cani randagi nel territorio comunale, trasporto, ricovero, custodia e mantenimento in vita, cura e pulizia. Il che significa che considerando questa media per i 12 mesi dell’anno si arriva ad un costo annuale che si aggira sui 220 mila euro. Davvero troppi tanto che l’amministrazione comunale sta pensando ad iniziative in grado di svuotare quel canile per far diminuire i costi a carico dell’ente. Nei prossimi giorni il vicesindaco Salvatore Cusumano andrà in missione proprio al canile calabrese in primis per controllare e verificare il corretto espletamento del servizio in conformità a quanto previsto dal Capitolato Speciale d’Appalto. Ma la visita sarà utile anche per effettuare una sorta di censimento fotografico di tutti i cani di proprietà comunale. Iniziativa messa in campo in quanto si vuole puntare alle adozioni: le fotografie scattate di ogni singolo cane saranno messe in mostra nel corso delle giornate di festa della patrona della città, Maria Santissima dei Miracoli, con l’intenzione di attivare le adozioni. Per il ricovero di un randagio il Comune alcamese paga fior di quattrini esattamente dal 2006, anno in cui fu per l’appunto stipulata la convenzione con la struttura calabrese. Attualmente sono poco meno di 400 cani catturati e custoditi al Mister Dog. In questi 8 anni e mezzo quindi la spesa del Comune solo per questo servizio ha sfiorato i 2 milioni di euro. Un vero salasso per un ente che da diversi anni è in fortissima difficoltà nel far quadrare i conti. Ora però sul fronte del contrasto al randagismo la svolta potrebbe essere davvero dietro l’angolo. Infatti è in via di realizzazione il rifugio sanitario in contrada Tre Noci che sorgerà all’interno di un bene confiscato alla mafia: stanziati 74 mila euro.

keep an eye out for sales of this set
hollister clothing How to Ensure That Your Ed Hardy Is Genuine

Pantsuits for women
burberry online shopHow to Make Delicious Quick and Easy Coffee Cake Muffins