Alcamo, rafforzato il pronto soccorso. In arrivo quattro medici, due a Trapani e uno a Castelvetrano

0
1102

Il pronto soccorso dell’ospedale di Alcamo può tornare ad operare con turni e carichi di lavoro almeno accettabili. Il direttore generale dell’Asp di Trapani ha infatti disposto l’invio di ben 4 medici all’area di emergenza del San Vito e Santo Spirito. Il capo della sanità trapanese ha dato mandato alla direzione aziendale competente di attivare le necessarie procedure. Qualche giorno fa lo stesso Damiani, al termine di una visita al nosocomio alcamese, aveva dichiarato che non esistevano stati emergenziali, sorvolando sulla carenza di personale. Adesso è invece arrivata l’attesa disposizione e il pronto soccorso, non si sa ancora da quando, potrà contare su quattro medici da aggiungere ai 5 rimasti in servizio.

L’organico resta invece ancora parecchio scoperto per quanto riguarda gli autisti di ambulanze e sempre più spesso i sanitari dell’ospedale alcamese devono rivolgersi al 118 per effettuare il trasferimento di pazienti. L’ASP intanto ha anche disposto il rafforzamento dei pronto soccorso anche al Sant’Antonio Abate di Trapani e al Vittorio Emanuele II di Castelvetrano. Nell’area di emergenza del nosocomio trapanese arriveranno due specialisti mentre uno sarà mandato nel centro belicino.

Rimangono immutati gli organici nelle aree di emergenza degli altri presidi ospedalieri del trapanese dove anzi la situazione potrebbe anche peggiorare. Sette medici di pronto soccorso, che avevano fatto domanda, andranno infatti in mobilità in strutture sanitarie di altre province. I vuoti in organico quindi restano ma alle emergenze più gravi, come quella del San Vito e Santo Spirito di Alcamo, sarà almeno messa una pezza.