Alcamo, pedone ucciso: l’autopsia chiarirà l’episodio

Sarà l’autopsia disposta nelle prossime ore a chiarire meglio cosa sia accaduto nella via Torquato Tasso ad Alcamo nella tarda mattinata di sabato scorso. La Procura di Trapani effettuerà l’ispezione cadaverica all’obitorio del cimitero di Alcamo sul pedone rimasto ucciso in quello che non appare semplicemente come un incidente stradale ma che può celare in realtà qualcosa di più. L’esame autoptico servirà innanzitutto a capire perchè la vittima, Castrenze Lombardo, pensionato alcamese di 81 anni, era riverso a terra nel momento in cui stava transitando l’auto guidata da una 71enne, anch’essa alcamese. Si presume che Lombardo possa essersi accasciato a terra per un malore ma si potrebbe anche ipotizzare che sia semplicemente scivolato. In base a quanto emergerà dall’autopsia allora la compagnia dei carabinieri di Alcamo, che ha aperto un fascicolo d’indagine sul caso, valuterà se denunciare l’anziana automobilista per omicidio stradale. L’uomo è stato investito all’incrocio tra la via Torquato Tasso e la via Della Valle. Secondo la ricostruzione fatta dai carabinieri la donna non si sarebbe accorta che a terra vi era l’81enne e ci sarebbe passata sopra: “Pensavo fosse un sacco nero” ha raccontato ai militari dell’Arma. Pare che l’uomo si fosse accasciato a terra forse per un malore o per una semplice caduta, ma questo lo potrebbe chiarire per l’appunto l’autopsia, e che la donna, non rendendosi conto di quello che c’era a terra, ci sia passata sopra con il proprio mezzo. Quando ha sobbalzato con l’auto l’anziana si è fermata ed è scesa dal proprio veicolo ma solo in quel momento si è resa conto di ciò che era accaduto. L’automobilista si è messa ad urlare chiedendo aiuto: sul posto è intervenuta un’ambulanza del 118 che ha cercato di soccorrere Castrenze Lombardo ma per lui non c’è stato nulla da fare.