Alcamo-Alleanza Pd-Udc, si va avanti così tra i mugugni

Si andrà avanti sulla linea dettata dalla segreteria provinciale : il Partito Democratico proverà ad allearsi con l’Udc in vista delle prossime elezioni amministrative ad Alcamo fissate per il 5 giugno. Su questa posizione ieri si è imperniata la bollente assemblea locale dei Democratici alcamesi. In poche parole l’alleanza con lo scudocrociato dovrà essere condivisa anche dai cosiddetti dissidenti storici, e tra questi Gianluca Abbinanti, Selene Grimaudo e Giuseppe Scibilia firmatari nei giorni scorsi di un documento in cui si “dissociavano” dalla scelta della segreteria provinciale bollata come “non condivisa”. Si è consumato ieri sera durante l’assemblea uno scontro interno e non sono mancate le urla e i pugni sul tavolo. E’ stato un confronto serratissimo con il segretario provinciale Marco Campagna che però alla fine ha portato tutti a dichiarare fedeltà al partito: “Noi dissidenti abbiamo ribadito la nostra posizione di non condividere un’alleanza con chi ha sempre avuto progetti e posizioni distanti dal nostro partito – sottolinea Selene Grimaudo – ma nel contempo abbiamo anche ribadito la nostra fedeltà al Pd. Non siamo disposti a farci mettere da parte seppur le scelte politiche non sono condivise”. Quindi si andrà avanti con un’alleanza con l’Udc che proprio questa sera dovrà sciogliere ogni riserva: infatti è previsto un direttorio dello scudocrociato proprio ad Alcamo alla presenza del deputato regionale e leader locale Mimmo Turano. In questa sede si dovrebbe esprimere anche l’Udc in quanto ancora oggi non vi è alcuna posizione ufficiale rispetto a questa ipotetica alleanza con i nemici di sempre del Pd. Una cosa è certa: all’interno dei Democratici non ci sarà alcuno strappo. Si resterà tutti uniti, almeno sulla carta, e non vi saranno fuoriuscite dei dissidenti verso altri lidi. Certamente questa situazione di imbarazzo rischia comunque di creare l’effetto domino di una demotivazione in campagna elettorale a sostegno del candidato sindaco Vincenzo Cusumano: “Il rischio c’è in politica – aggiunge la Grimaudo – ma sono sicura che ci sarà lealtà nei confronti del progetto politico e che quindi tutti daranno il massimo”.