Acqua ai comuni costieri, lavori da 21 milioni al potabilizzatore Cicala. Affidata progettazione

Sono state consegnate dall’Amap Spa le attività di progettazione per l’adeguamento e il rinnovo funzionale del potabilizzatore Jato, affidate ad un raggruppamento di professionisti selezionato a seguito di gara pubblica. Si avvia così l’attuazione del Piano di opere strategiche per il rinnovo tecnologico delle grandi infrastrutture del sistema idrico palermitano che, nel complesso, assicurano più di due terzi del fabbisogno potabile di tutta la Provincia di Palermo.

L’intervento riguarda l’impianto gestito dall’Amap, in località Cicala nel Comune di Partinico realizzato negli anni 70, al quale è affidato il compito di potabilizzare le acque dell’invaso “Poma” sul fiume Jato e soddisfare il fabbisogno dei Comuni di Balestrate, Capaci, Carini, Cinisi, Isola delle Femmine, Terrasini Trappeto, oltre che dell’Aeroporto Falcone e Borsellino e della parte nord occidentale di Palermo. L’adeguamento del potabilizzatore si rende necessario proprio perché l’acqua raccolta nell’invaso “Poma” ha subito negli anni un progressivo decadimento qualitativo.

“Per fare fronte a queste criticità ed assicurare un servizio continuo ed affidabile – ha spiegato Giuseppe Ragonese, direttore generale della società – l’Amap ha deciso di dotare il sistema di un impianto di potabilizzazione moderno e tecnologicamente all’avanguardia, capace di fare fronte a qualsiasi condizione qualitativa dell’acqua. Si tratta di fattori che investono le responsabilità di diversi Soggetti istituzionali. Per questo motivo – hanno detto dall’AMAP – si è previsto contrattualmente la costituzione di un apposto tavolo tecnico che prevede la partecipazione di tutti gli Enti in modo che le scelte progettuali siano il risultato di una scelta condivisa”.

Il raggruppamento dei professionisti affidatario avrà 180 giorni di tempo per eseguire le indagini e redigere la progettazione definitiva dell’intervento. L’investimento complessivo stimato per il nuovo potabilizzatore è di 21 milioni di euro mentre l’impegno finanziario per i servizi di progettazione è di circa un milione.