Usciti in mare per generosità, pescatori castellammaresi donano 70 KG di pesce

Pescatori che escono in mare esclusivamente per donare il prodotto della loro fatica alle famiglie in difficoltà. Ai tempi del coronavirus a Castellammare del Golfo capita anche questo: un gesto di solidarietà e di vero amore per i più bisognosi. La generosità dei pescatori castellammaresi ha prodotto oltre 70 kg di pesce che, appena pescato, è stato donato a chi, in questo periodo, ha difficoltà aggravate dall’emergenza coronavirus.

Nella loro generosa attività, prima durante e dopo l’avvio delle barche, sono stati coordinati dalla Capitaneria di Porto e, con il supporto dell’amministrazione comunale, tutto il pescato è stato raccolto nello sportello di distribuzione alimentare, “Ancora della solidarietà”, allestito nella chiesa di San Giuseppe dalle parrocchie castellammaresi. Qui i volontari, coordinati da don Giuseppe Grignano, hanno proceduto alla suddivisione del pesce e alla distribuzione alle famiglie bisognose, anche nuclei familiari che fino a prima dell’emergenza sanitaria riuscivano a sbarcare il lunario e che, tutto d’un tratto, sono precipitate nell’indigenza.

Un gesto di grande solidarietà che mi commuove e mi rende orgoglioso dei tanti miei concittadini che in questi giorni di grande difficoltà – ha detto il sindaco Nicola Rizzo – si mettono a disposizione del prossimo e mostrano grande cuore.  Ringrazio i pescatori di Castellammare che pur vivendo anche loro momenti di grandi difficoltà hanno deciso di far prevalere generosità e attenzione per gli altri”. Il primo cittadino castellammarese ha poi voluto ringraziare anche la capitaneria di porto con il locale ufficio guidato da Maurizio Scozzari che coordina con attenzione il lavoro della marineria ed i controlli.