Trapani: all’ospedale Sant’Antonio il parto indolore

0
591

TRAPANI – Il percorso nascita del reparto di Ostetricia del Sant’Antonio Abate si arricchisce di un nuovo servizio, molto richiesto dalle donne e inserito recentemente nel decreto Balduzzi fra i livelli essenziali di assistenza: il parto indolore. Il primo ad essere nato con questa metodica è stato ieri alle 15.10 Alessandro, 3 chili E 250 grammi. La madre, una donna di 29 anni, trapanese, è stata assistita dall’ostetrica Anna Maria Pianelli, dall’anestesista Giacomo Cipresso (referente per la Partoanalgesia), da alcuni medici dell’Unità operativa complessa e soprattutto con la partecipazione attiva del marito. L’analgesia epidurale al parto sarà d’ora in poi disponibile gratuitamente presso l’Unità Operativa di Ginecologia ed Ostetricia del nosocomio trapanese diretto da Giovanni Bavetta, grazie alla collaborazione dell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione guidata in questo caso da Antonio Siragusa. Possono richiedere l’analgesia epidurale al parto tutte le donne in gravidanza con: patologie materne di grado moderato-severo dell’apparato respiratorio, dell’apparato cardiovascolare, diabete insulino dipendente, condizioni neuropsichiatriche severe, epilessia e obesità; oppure patologie materne severe attuali o pregresse di età inferiore a 26 anni o superiore a 38 anni al momento del parto, condizioni che si manifestino nell’imminenza del parto, previa valutazione condivisa dai clinici. Ovviamente le patologie devono essere documentate o certificate dallo specialista. Le donne in gravidanza che decideranno di partorire in analgesia epidurale dovranno prenotare la visita anestesiologica alla 34 settimana di gestazione telefonando all’Ambulatorio di Terapia del Dolore del Presidio Ospedaliero Sant’Antonio Abate contattando i numeri 0923-809468 o 0923-809469. Inoltre è già possibile eseguire, nello stesso reparto, il monitoraggio delle gravidanza a rischio e gli esami ecografici per la diagnosi precoce delle principali anomalie cromosomiche (screening del 1° trimestre, ecografia morfologica ed amniocentesi).