Tranciano un km di cavi di rame, è black-out

Avevano rubato 1000 metri di cavi elettrici in rame causando il black-out di un’intera zona a Calatafimi Segesta, ma sono stati scoperti dai carabinieri.

Gli autori del tentato colpo sono l’alcamese Andrea Ruisi, 35enne, elettricista di professione, ed un 60enne partinicese, B. N., denunciato in stato di libertà.

Sulla base di alcune segnalazioni degli abitanti della zona su dei guasti alla rete elettrica in contrada “ponte Palmeri”, i militari, in borghese, e con un’auto di copertura, avevano predisposto servizi di osservazione e pedinamento, per capire se il black-out fosse dovuto ad un normale guasto.

Stanotte i due uomini, a bordo di un furgone, sono stati seguiti a distanza, fino a ad una strada di campagna piuttosto isolata, dove, sul ciglio della strada erano stati ammassati 1000 mt di oro rosso, asportati dalla rete elettrica, e pronti per essere caricati sul mezzo.

A quel punto è scattato il blitz: Ruisi è stato bloccato immediatamente, mentre l’altro, approfittando delle scarse condizioni di visibilità, a causa del buio e della nebbia, si è dileguato tra le campagne, ma dagli accertamenti i carabinieri della locale stazione sono riusciti comunque a risalire alla sua identità.

Il processo per direttissima stamattina; l’arresto di Ruisi è stato convalidato, ed è stato sottoposto all’obbligo di firma.