Sport ‘trapanese’, quattro atleti e un arbitro alle Olimpiadi. Due hanno ottime chances di medaglia

da sinistra: Pizzolato, i Zoghlami e Mazzara

Anche la provincia di Trapani sarà presente alle olimpiadi di Tokyo che prenderanno il via il 23 luglio nel Paese del Sol Levante. Alcuni di questi, fra l’altro, hanno anche buone possibilità di medaglia. In gara ai giochi olimpici, quindi nell’appuntamento più sognato e agognato da tutti gli sportivi del mondo, il pesista Nino Pizzolato, di Salaparuta, che volerà in Giappone grazie all’ultima impresa agli europei di Mosca dove, con 370 chilogrammi, ha conquistato l’oro continentale bissando il successo del 2019. Pizzolato, alle prossime Olimpiadi, gareggerà nella categoria fino a 81 chili e partirà con una buona considerazione nei pronostici. D’altro canto, nel 2021, è terzo nel ranking mondiale.

A rappresentare la provincia di Trapani ai ‘Giochi’ anche i gemelli Zoghlami, nordafricani di origini ma cresciuti a Valderice. I ventisettenni Ala e Osama hanno staccato il pass per i 3.000 siepi, una delle gare di atletica leggera più spettacolari e difficili, rispettivamente a Rovereto e a Ostrawa. I due portac9lori del Cus Palermo correranno le batterie a Tokyo il 30 luglio mentre la finale è in programma il 2 agosto. Infine, e anche con buone prospettive di medaglia, il più giovane dei trapanesi che ha appena  compiuto 17 anni.

Alessandro Mazzara, trasferitosi a Roma, con la famiglia, da circa un decennio gareggia nello skateboard e già da tempo gira il mondo per partecipare alle più prestigiose competizioni internazionali. Già nel 2019, a soli 15 anni, ha conquistato il quarto posto assoluto ai mondali senior svoltisi a Barcellona. Il giovanissimo fenomeno, nato all’ospedale “Sant’Antonio Abate”, in territorio di Erice, parteciperà alle Olimpiadi nella specialità park. Giovedì 5 agosto, alle 2 della notte, le qualificazioni. Alle 5,30 del mattino, poi, la finalissima. Il gruppo dei “trapanesi” a Tokyo è completato dal mazarese Emanuele Bucca, arbitro internazionale di scherma.