Rubano rame e gasolio per 17 mila euro

0
412

Avevano rubato 70 metri di cavi elettrici in rame di grosse dimensioni, e 500 litri di gasolio, per un valore di ben 17 mila euro, ai danni di una nota azienda di Calatafimi Segesta, ma sono stati scoperti ed arrestati dai carabinieri.Gli autori del tentato colpo sono tre rumeni Ion Stoian, di 57 anni, Mihail Ciprian Stoian, di 25 anni e Costantin Stoian, di 27 anni, rispettivamente padre e figli, tutti e tre disoccupati e residenti ad Alcamo, presso il villaggio regionale.Ad arrestarli i Carabinieri della Stazione di Calatafimi Segesta, nell’ambito di un’apposita attività di contrasto al fenomeno, sempre più in ascesa, dei furti di rame, disposta dal Comando Provinciale di Trapani e coordinati dal Comandante della Compagnia di Alcamo, il Capitano Savino Capodivento.L’operazione è il frutto di una serie di servizi di osservazione, controllo e pedinamento, svolti dai militari dell’Arma, che già da tempo erano sulle tracce dei tre. Giovedì notte i carabinieri, avendo il sentore che stessero per mettere a segno un colpo, li hanno seguiti in abiti civili con un’auto di copertura. Ipotesi confermata, quando i tre, arrivati a Calatafimi Segesta, dopo aver forzato il catenaccio del cancello di ingresso della ditta “Bitumedil srl.”, si preparavano a rubare, dall’interno, quello che oramai viene definito “oro rosso”. A quel punto è scattato il blitz, e i militari hanno bloccando i tre rumeni, che sono stati arrestandoli per furto aggravato in concorso. Venerdì mattina sono stati processati tutti per direttissima, e dopo la convalida degli arresti da parte del Tribunale, i tre sono stati sottoposti all’obbligo di dimora da scontare ad Alcamo.