Palatenda “I Cento Passi”, lavori ancora fermi. Cantiere da 5 mesi a 5 anni

“Nelle prossime settimane saranno completati i lavori e prima possibile il campo sarà messo a disposizione della comunità e delle associazioni sportive presenti nel nostro territorio”. Lo aveva dichiarato il 3 settembre del 2018, tramite l’ufficio-stampa del comune di Alcamo, il vice-sindaco Vittorio Ferro, all’epoca delle dichiarazioni anche assessore allo sport. Non si è capito, però, il significato dell’aggettivo prossime perché da allora, di settimane, ne sono trascorse, da allora, soltanto 127 e il palatenda Cento Passi non è stato ancora completato. Non solo, i lavori sono anche fermi da un paio di mesi.

Anzi, per essere più precisi, negli ultimi due anni si contano sulle dita di una mano le settimane in cui il cantiere ha lavorato a pieno regime. Mentre negli altri comuni le strutture realizzate con lo stesso PON Sicurezza e con gli stessi finanziamenti, sono già quasi diventate vecchie e da ammodernare, ad Alcamo il palatenda polivalente ancora non è stato completato. Di questi tempi quella alcamese è forse una repubblica a parte.

Probabilmente il palatenda che sorge al fianco degli spogliatoi dello stadio Catella di Alcamo, più che “Cento Passi” si sarebbe dovuto intitolare cento, anzi più di mille, ostacoli. Infatti la costruzione del palatenda, finanziato con il PON Sicurezza di diversi anni fa grazie alla giunta Scala che riuscì ad intercettare 300.000 euro, si sarebbe dovuta completare entro appena 5 mesi e più precisamente entro il 31 maggio del 2017. Invece la storia di questo impianto sportivo apparve stregata fin dal suo inizio.

Basti ricordare l’assegnazione dell’appalto per la quale trascorsero diversi anni.  La ditta aggiudicataria, la Spinelli di Alcamo, rinunciò al contratto e cominciò un difficile e lentissimo scorrimento della graduatoria, fra una rinuncia e l’altra. Finalmente, l’aggiudicazione alla Diemmea di Marsala. Adesso lavori nuovamente fermi, pare per alcuni problemi con il montaggio della caldaia nel nuovo blocco spogliatoi. Fra qualche settimana se ne saprà di più, speriamo prima che ne trascorrano altre 127.