Obbligo di soggiorno per due anni per Pietro Pellerito

    La Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Trapani ha ritenuto Pietro Pellerito, alcamese, già consigliere provinciale dell’UDc e infermiere, “vicino alla famiglia mafiosadei Meoldia di Alcamo” e dunque ” soggetto portatore di una pericolosità in qualità di indiziato di appartenere ad associazione mafiosa e persona indiziata di reato aggravato dal fine di agevolare l’atività di Cosa Nostra alcamese.

     

    Il tribunale ha così accolto e condiviso le tesi e le indagini della Divisione Anticrimine della Questura di Trapani e su proposta del Questore ha deciso per Pietro Pellerito la misura di prevenzione con la sorveglianza speciale di PS, l’obbligo di soggiorno nel comune di residenza o di abituale dimora per due anni.