Nel trapanese 5.971 guariti, 167 decessi (mortalità al 3%). OK alle seconde dosi

3.116 (+90) attualmente positivi e tre nuovi decessi. Questi i dati delle ultime 24 ore in provincia di Trapani. La pandemia, dal suo primo caso sul territorio (marzo 2020) fino ad oggi ha raggiunto 9.254 persone con 5.971 guarigioni e 167 decessi. In pratica ogni 100 guariti muoiono circa 3 pazienti. I deceduti, quasi interamente, avvengono fra coloro, spesso anziani, che hanno bisogno del ricovero in terapia intensiva. Un quadro grave ma certamente non allarmante. Bisogna invece evitare atteggiamenti irresponsabili che potrebbero riempire i posti-letto negli ospedali, cifre che già sono in sofferenza.

Intanto, per quanto riguarda i vaccini, l’ASP di Trapani è riuscita finora a garantire le seconde dosi entro i canonici 21 giorni. Ieri le attività sono comunque andate a rilento perché è stato avviato il nuovo sistema di reportistica voluto dal ministero. Attivate nuove postazioni di accettazione nei vari ambulatori vaccinali: Trapani è passata a 3; Marsala a 2 con la terza in fase di sistemazione; Alcamo, Mazara del Vallo e Castelvetrano 2.

33 seconde dosi somministrate al “San Vito e Santo Spirito”, dove la giacenza di 33 flaconi fa ben sperare per il proseguimento delle operazioni, e 133 dosi al “Sant’Antonio Abate”. nell’ospedale di Trapani i flaconi in giacenza sono appena 8. Alla luce di tali numeri e soprattutto della quantità di vaccini che arriverà domattina, sarà varata una nuova programmazione.

Se il numero sarà soddisfacente a garantire tutte le seconde dosi, si riprenderà la campagna vaccinale anche in tutte le case di riposo della provincia. Inoltre verrà effettuata una seconda chiamata per tutti gli aventi diritto che nella prima fase non avevano aderito o perché impossibilitati o perché in dissenso. Per questi ultimi si spera che, alla luce del bassissimo numero di reazioni (cefalea, rialzo febbrile o indolenzimento nel punto dell’inoculazione), possano avere nel frattempo cambiato opinione.