“Mare Monstrum”, altro rinvio. Per Fazio possibile archiviazione

Doveva tenersi ieri, per la cosiddetta indagine “Tangentopoli del mare”, l’udienza preliminare per uno dei due tronconi dell’inchiesta a suo tempo definita Mare Monstrum. La Procura  della Repubblica di Trapani, tramite i sostituti Franco Belvisi e Brunella Sardoni, aveva richiesto 4 rinvii a giudizio. Davanti al Giudice per le Udienze Preliminari, per rispondere dei reati di corruzione e turbata libertà degli incanti, favoreggiamento reale e traffico d’influenze illecite, dovevano essere presenti i legali dell’ex dirigente regionale a capo del Dipartimento della Mobilità Salvatrice Severino, dell’ex amministratore delegato della Liberty Lines Ettore Morace (figlio del Comandante Vittorio), di Giuseppe Montalto, a suo tempo segretario particolare dell’assessore regionale alle Infrastrutture Giovanni Pistorio, e l’avvocato dell’ex sottosegretario ai Trasporti forzista Simona Vicari.

Parte offesa in questo procedimento è il Comandante Giuseppe Prestigiacomo ai danni del quale Montalto si sarebbe adoperato per impedirne la nomina in commissione Ambiente all’Assemblea Regionale Siciliana. Per l’ex deputato regionale Girolamo Fazio, che era indagato in questo procedimento per minaccia a pubblico ufficiale, invece, pende adesso l’archiviazione richiesta dai sostituti Sardoni e Belvisi. Il Gup Roberta Nodari, però, ha dovuto rinviare la camera di consiglio al 15 marzo per legittimo impedimento di alcuni difensori degli indagati.