Maltempo, disagi in provincia di Trapani e Palermo

0
370

Il forte vento e la pioggia hanno flagellato la provincia di Palermo e Trapani per tutta la notte appena trascorsa. I danni fortunatamente sono stati contenuti: non ci sono feriti ma i disagi si sono fatti sentire con la viabilità interrotta in alcune arterie di importanza strategica a causa della caduta di alberi e del distacco di tetti e cornicioni. Nel trapanese i disagi sono stati davvero ingenti: in primis per la chiusura dell’aeroporto di Pantelleria. Il forte vento che ha soffiato con raffiche di 110 chilometri orari ha portato via alcune parti dell’aerostazione. Sono state divelte alcune porte dell’aeroporto  e i sistemi di condizionatori che si trovavano sul tetto dell’aerostazione. Danni ingenti che non consentiranno neanche domani l’apertura dello scalo. Non va meglio a Trapani dove al porto i collegamenti sono stati bloccati a causa dell’imperversare dello scirocco che ha toccato punte di oltre 50 km orari. Tre voli che dovevano atterrare questa mattina nell’aeroporto ”Falcone-Borsellino” di Palermo sono stati dirottati sullo scalo di Trapani a causa delle forti raffiche di scirocco che hanno raggiunto anche i 40 nodi. In particolare allo scalo di Birgi sono atterrati i voli provenienti da Bologna, Lampedusa e Bergamo. Non sono mancati poi i disagi sulle strade, parzialmente inagibili a causa della caduta di grossi alberi che hanno in parte ostruito la carreggiata. Sempre in provincia di Trapani la situazione più difficile si è vissuta a San Vito Lo Capo dove numerosi alberi si sono abbattuti sulle strade, letteralmente sradicati dal forte vento. E’ stata una notte difficile per i vigili del fuoco del distaccamento di Alcamo intervenuti per rimuovere nel paesino marinaro le decine di arbusti. Altrettanto complicata la situazione in provincia di Palermo, specie nel comprensorio partinicese. Paura a Montelepre dove in via Raffaello Sanzio è crollato il simbolo che svettava in cima ad una chiesetta. Fortunatamente il capitello è caduto a terra senza danni a cose o persone. Difficile anche la situazione a Partinico. I pompieri sono stati impegnati in decine di interventi senza soluzione di continuità sino alla mattinata di oggi. Diversi alberi sono caduti sulla strada statale 113, nel tratto che collega Partinico con Alcamo. Nessuna auto in transito è stata colpita al momento in cui si sono verificati i crolli. A cadere arbusti più o meno imponenti che in alcuni casi hanno reso parzialmente inagibile la trafficatissima strada. Moltissimi invece i casi segnalati di tetti pericolanti. In via Trieste è stato necessario lavorare sulle coperture di diverse abitazioni. In alcun casi si sono staccate alcune tegole in terracotta che hanno colpito delle auto posteggiate lungo l’arteria. Simili interventi sono stati effettuati in via Piersanti Mattarella e in via della Vite. Ed ancora la copertura in prefabbricato di una stazione di rifornimento di benzina si è staccata dalle colonne portanti finendo rovinosamente sulla strada provinciale 1, nel tratto che collega Partinico con Montelepre. Anche qui i vigili del fuoco hanno lavorato per rimuovere il tetto e garantire nuovamente la circolazione delle auto.