Green-pass per tutti i lavoratori. Contagi sempre in discesa nel trapanese

In tutti i luoghi di lavoro, da oggi, tutti i lavoratori dovranno essere, obbligatoriamente, muniti di Green Pass. Il certificato verde si ottiene se si è vaccinati, se guariti dal Covid, o se nelle ultime 48 ore si è risultati negativi al tampone. Dovranno avere il Green Pass sia i dipendenti pubblici che quelli privati, nonché gli autonomi quando accedono nei luoghi di lavoro. Il lavoratore, pubblico o privato, non in possesso della certificazione verde è considerato assente ingiustificato, senza diritto allo stipendio, fino alla presentazione del green pass”. Lo stabilisce il decreto del Governo. Il lavoratore che accede ugualmente al luogo di lavoro va incontro ad una multa che va da 600 a 1.500 euro. Vengono poi applicate anche le sanzioni disciplinari eventualmente previste dai contratti collettivi di settore.

Intanto la Sicilia, dopo il suo ritorno in zona bianca, conferma il trend in ribasso del contagio. Ieri, in provincia di Trapani, soltanto 5 nuovi positivi. Che, al netto di decessi e guarigioni, porta l’ammontare attuale a 543, un decremento di 49 rispetto alle 24 ore precedenti.  Purtroppo ci sono stati anche altri 5 deceduti. In provincia di Trapani, dal marzo 2020, sono adesso 415 i morti per covid. Guariti ben 19249. I reparti di terapia intensiva negli ospedali del trapanese si sono svuotati mentre sette sono i pazienti in sub-intensiva e 12 nei reparti covid ordinari. La città con più attualmente positivi è Trapani, 96 ma una quindicina in meno rispetto al girono precedente. Poi Marsala con 89, Erice a quota 72, meno 9,  e Castellammare del Golfo che scende a 52 come Mazara del Vallo. Ad Alcamo altri sei casi in meno per un totale di 46 esattamente come Castelvetrano. Quattro i comuni del trapanese covdi-free: Buseto Palizzolo, Gibellina, Poggioreale e Salaparuta. Un solo positivo attualmente a Partanna e Vita, due a Pantelleria, 3 a Salemi e 4 a Calatafimi.