Cimiteri di Alcamo, visite semplificate. Niente più prenotazioni

Niente più prenotazioni per recarsi nei cimiteri di Alcamo a rendere omaggio ai propri defunti. Dopo l’avvio della Fase 2 cambiano, a una settimana di distanza, le norme per visitare i luoghi sacri dedicati a parenti ed amici passati a miglior vita. Da questa mattina, sia perché in zona si sono fermati i contagi e diminuiscono sensibilmente i positivi, sia perché la settimana non ha fatto registrare grossi ingorghi negli accessi, la visita nei cimiteri alcamesi è stata quasi liberalizzata o comunque certamente semplificata.

Niente più prenotazioni a numeri telefonici dedicati, ma visite contingentate a gruppi di 50 persone. In pratica qualora il personale di custodia dei camposanti registri all’interno la presenza di 50 visitatori, fermerebbe ai cancelli chi dovesse arrivare in quel momento. Il visitatore potrà quindi entrare non appena uscirà un altro visitatore. Come ai supermercati o in farmacia o negli altri esercizi commerciali.

Il numero massimo di 50 visitatori si intende per ciascun cimitero  (Spirito Santo Nuovo, Spirito Santo Vecchio, Cappuccini Nuovo, Cappuccini Vecchio e Santissimo Crocifisso) quindi per un totale di 250 persone. Rimane sempre un tempo massimo da osservare per rendere visita ai defunti: 30 minuti. Sono previsti quattro turni al giorno: dalle ore 9 alle ore 9.30, dalle ore 10 alle ore 10.30, dalle ore 11 alle ore 11.30 e dalle ore 12 alle ore 12.30.

L’ingresso ai cimiteri di Alcamo è consentito da lunedì a sabato mentre domenica e festivi è prevista la chiusura dei camposanti. Ovvio che l’accesso e la circolazione pedonale all’interno degli spazi cimiteriali saranno consentiti unicamente alle persone munite degli appositi “dispositivi di protezione individuale”, cioè guanti e mascherina, correttamente indossati, e nel rispetto del distanziamento sociale tra le persone di un metro con divieto assoluto di assembramento.