Associazioni ambientaliste di Alcamo, UGL ipotizza tavolo permanente per uscire dal torpore

0
82

Il settore agro-forestali del sindacato UGL, diretto in provincia di Trapani dall’alcamese Giuseppe Senia, scende in campo sui problemi che riguardano Alcamo in materia di ambiente e verde pubblico.  Senia ha tratto spunto da quello ‘strano’ silenzio che negli ultimi anni ha riguardato le associazioni ambientaliste e che proprio alcuni giorni è stato evidenziato dal nostro telegiornale.

“Mi auguro – scrive il reggente provinciale degli agro-forestali dell’UGL – che questo silenzio sia dettato da pause progettuali e non di arresa: non potrei crederlo minimamente”. Da qui nasce un invito a tutte le associazioni del territorio alcamese per una riflessione collettiva e per la nascita di un tavolo permanente. Un’iniziativa – afferma il sindacato – che possa far nascere un progetto unitario per salvare ciò che oggi si trova in uno stato vergognoso e umiliante per tutti gli alcames. Il riferimento è soprattutto all’parco sub-urbano e ealla riserva di monte Bonifato.

“L’UGL ,che sono onorato di rappresentare in Provincia di Trapani  – dice Giuseppe Senia – sarà presente e vigilerà in maniera scrupolosa l’evolversi degli eventi futuri. Ringrazio il Segretario Generale Giuseppe Messina  e il Segretario Regionale AgriForestali Franco Arena per il loro prezioso appoggio : IL nostro motto è “insieme si può”. L’organizzazione sindacale non ha perduto tempo dando vita a un primo incontro con Francesca De Luca, ex dirigente regionale ed esponente storica di FareAmbiente.  A breve saranno programmati altri incontri con le associazioni Laurus, LegAmbiente, Lipu, WWF e con il coordinamento Salviamo il Monte Bonifato.