Amministrative, il lungo giro di Palmeri riporta da Surdi e auspica sinergia più efficace

Alcuni degli imprevisti del Monopoli, il gioco da tavolo più famoso al mondo e varato nel lontano 1935, invitano il concorrente a fare qualcosa senza passare dal via. Non è certamente il caso di Valentina Palmeri, deputata regionale all’ARS alla sua seconda legislatura, che dopo diversi giri di monopoli, pardon di iniziative politiche, al via c’è proprio passata per rimanerci. Almeno per la campagna elettorale delle amministrative. Proprio così, la parlamentare alcamese dopo avere abbandonato rumorosamente il Movimento 5 Stelle, nelle cui file era stata eletta due volte all’ARS, ed avere fondato Attiva Sicilia, e dopo avere lasciato anche questo gruppo tesserandosi per Europa Verde e aderendo al gruppo misto del parlamento siciliano, in vista dell’impegno con le urne del 10 e 11 ottobre ritorna al via, proprio alla partenza del suo impegno politico.

Valentina Palmeri, quindi, sosterrà Domenico Surdi, sindaco in carica ed esponente del Movimento 5 Stelle. La deputata non è d’altro canto l’unico politico ad avere abbandonato, più o meno polemicamente i pentastellati, ed ora a ritrovarsi al loro fianco per la ricandidatura del primo cittadino uscente. La posizione di Ignazio Corraro e Antonio Lombardo docet.

Nel suo post su facebook Valentina Palmeri spiega che il progetto civico e ambientalista a cui ha collaborato in questi ultimi mesi, per intenderci quello che vedeva in prima linea Massimo Fundarò, non ha trovato le condizioni per potersi concretizzare, snaturandosi sul nascere e “portando me ed altri – ha scritto la deputata regionale – a fare un passo indietro per non tradire principi, percorsi e storie politiche personali”. Questo epilogo non può e non deve però essere uno stop all’impegno per Alcamo, perché credo che la buona Politica debba portare ad andare oltre i protagonismi personali.

Con questa e altre premesse la parlamentare conclude di voler dare nuovamente fiducia al sindaco uscente “con il quale auspico – scrive – di collaborare sui temi locali con una rinnovata e più efficace sinergia”. Tre ovviamente rimangono le liste a sostegno di Surdi: Movimento 5 Stelle, ABC e la civica Avanti con Surdi. Due, allo stato attuale, in attesa del pronunciamento del TAR, a sostegno di Giusy Bosco: partito democratico e UDC con l’appoggio di ‘Centrali – Italia Viva’ e PSI. Fratelli d’Italia sostiene invece il suo candidato Alessandro Fundarò mentre Massimo Cassarà si avvale delle liste Via, Movimento Nuove Autonomie, Forza Italia, Cantiere Popolare, Lega, Con Alcamo nel Cuore, Alba e SiAmoAlcamo.