Alcamo-Via per Camporeale, torna il gas nelle case: ora le trivellazioni

0
391

Sono stati avviati da ieri sera dalla ditta incaricata dal Comune di Alcamo i lavori per l’allontanamento delle acque sotterranee e meteoriche dal corpo della frana che si è verificata sulla strada provinciale ad Alcamo nella via per Camporeale. Interventi quanto mai provvidenziali considerando che proprio da ieri sera ha ripreso a piovere, dunque ritorna lo spettro di altre possibili frane, come già accaduto la scorsa settimana quando ci si è accorti di un ulteriore sprofondamento della sede stradale di circa 30 centimetri. Questi interventi mirano a rallentare il fenomeno di smottamento e sono andate avanti per tutta la notte. Anche il bypass della rete del metano, danneggiata dalla frana, è stato completato e già da oggi è in fase di attivazione la fornitura presso le utenze della zona. Ieri sera, nel corso del consiglio comunale convocato ad Alcamo, l’amministrazione comunale ha relazionato sugli interventi in corso e su quelli che dovranno essere fatti per arrivare a far riaprire al transito l’arteria chiusa per ragioni di sicurezza per circa 150 metri: “Sicuramente non ci vuole grande esperto – afferma il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Vittorio Ferro – per capire che l’area dovrà essere sistemata con paratie e palificate. Vorremmo predisporre un progetto nel più breve tempo possibile”. Pian piano si sta provando a rimettere in sesto questa arteria. Domenica sera e per diverse ore i vigili del fuoco del distaccamento alcamese hanno lavorato per mettere in sicurezza il sito. Questo soprattutto per permettere il proseguimento dell’attività d’indagine e monitoraggio dell’area da parte di tecnici del Comune e della protezione civile: in tal senso è stato necessario intervenire per demolire alcuni muri ormai pericolanti e alcuni pali dell’illuminazione pubblica. La protezione civile, la polizia municipale e i dipendenti del servizio illuminazione pubblica del Comune di Alcamo hanno contribuito con il loro supporto allo svolgimento delle operazioni. Grazie all’attività di coordinamento è stato possibile sempre domenica sera ripristinare l’illuminazione pubblica che era venuta a mancare quando si è verificato il collassamento della sede stradale. La strada al momento resta ancora chiusa del tutto al transito. Sino a questo momento sono state sgomberate 5 abitazioni che insistono in zona proprio per l’incombente pericolo frana. Da venerdì sera stanno presidiando la zona le associazioni di Protezione civile chiamate a dare informazioni alle auto in transito ed a garantire la totale sicurezza in zona. La frana, secondo il monitoraggio dei tecnici comunali, è ancora in movimento e quindi potrebbe ulteriormente far sprofondare la sede stradale.