Alcamo, revisione Prg: inizia l’iter consiliare prima della pubblicazione

0
306

Alle battute finali la revisione del piano regolatore generale del Comune di Alcamo almeno per ciò che concerne gli adempimenti in materia legati al Comune. Dopo gli studi di settore e l’approvazione dell’elaborato da parte di uffici e amministrazione comunale, l’incartamento ora sbarca nelle orbite consiliari. Oggi lo “schema di massima” sarà analizzato dalla III commissione consiliare che si occupa di Pianificazione del territorio, dopodichè dovrà essere approvato e quindi potrà passare al consiglio per il disco verde che aprirà le porte poi alla pubblicazione al Comune per eventuali osservazioni e poi il malloppo andrebbe trasmesso all’assessorato regionale Territorio e Ambiente per il via libera definitivo. L’amministrazione comunale si è data come scadenza, entro il 2020, l’adozione in via definitiva dello strumento sia da parte del consiglio che dalla Regione. Nelle mire del governo cittadino c’è poi l’intenzione, una volta completata questa fase, di attuare il piano ovviamente e di costituzione un apposito ufficio per il monitoraggio degli effetti ambientali e delle tendenze attuative. Il tutto con la collaborazione del Circes, il centro interdipartimentale di ricerca sui centri storici dell’università di Palermo con cui il Comune ha approvato un’apposita convenzione, proprio per arrivare a superare gli ostacoli tecnici legati alle procedure di sovrapposizione degli studi agricolo-forestale e geologico. Ad essere stati implementati sotto questo aspetto i dati cartacei di archivio relativamente a varianti urbanistiche e varianti urbanistiche per ritipizzazione a seguito della decadenza dei vincoli preordinati all’esproprio già adottati in Consiglio Comunale o approvati dal competente assessorato, mentre è stata completata l’attività di monitoraggio delle aree espropriate per opere pubbliche o di pubblica utilità. Da considerare che sul Comune incombe un’ammonizione da parte della Regione che ha già minacciato di commissariare il Comune per i tempi troppo lunghi trascorsi senza avere fatto concreti passi in avanti in quest’iter. Parallelamente sempre la III commissione sta lavorando allo studio del Centro Storico redatto dall’ufficio pianificazione diretto dal dirigente della Direzione 1 del Comune Venerando Russo. L’assessore alla Pianificazione Vittorio Ferro dal suo canto sta già lavorando alla programmazione degli obiettivi per il prossimo anno. Tra questi, oltre al Piano Regolatore, anche la pianificazione strategica coordinata sempre dell’ufficio dalla Direzione 1 e con la collaborazione dell’Università di Palermo.