Castellammare del Golfo-Mini rivoluzione negli uffici, spostamenti e aperture prolungate

0
299

Piccola rivoluzione gestionale e “fisica” per gli uffici comunali di Castellammare del Golfo. In via di organizzazione lo spostamento di alcuni servizi e anche l’allungamento dell’operatività di determinati settori. L’amministrazione comunale sta lavorando ad un complessivo riassetto di tutta la macchina burocratica sin dal suo insediamento e adesso è in procinto di concretizzare le decisioni prese. Tra i provvedimenti già concretizzati lo spostamento dell’ufficio Pubblica istruzione dalla vecchia sede di via Canale Vecchio dove si trova lo Sportello Europa al pianterreno della biblioteca comunale “Barbara Rizzo, Giuseppe e Salvatore Asta” di piazza Matteotti. Oltretutto questo stesso servizio dal prossimo mese di febbraio sarà anche aperto nel pomeriggio per almeno due giorni come non avveniva più da anni. Almeno un’apertura pomeridiana invece è prevista per l’Anagrafe e lo Stato Civile. “Decisioni – afferma il sindaco Nicola Rizzo – frutto di un ascolto delle richieste che ci sono state avanzate dai cittadini e dagli stessi dipendenti comunali, affinché si velocizzino i servizi chiaramente rendendo più efficienti e attivi gli uffici. Lo spostamento della Pubblica istruzione si è reso possibile dalla collaborazione dello stesso assessorato guidato da Enza Ligotti con quello al Personale seguito da Giuseppe Cruciata. L’attività della Pubblica Istruzione è certamente legata a quella della biblioteca che rappresenta una sede più idonea per l’importante ufficio che avendo una ubicazione idonea e maggiore personale. Sull’Anagrafe e lo Stato Civile l’obiettivo a breve scadenza è quello di aprire almeno un giorno a settimana nel pomeriggio, come da anni non era più previsto”. Il primo cittadino, che si è insediato nel giugno scorso, sostiene di voler dare priorità al riassetto organizzativo degli uffici comunali con un concreto e graduale processo di modifica che riguarda la rimodulazione del personale degli uffici, molti dei quali trovati non in grado di svolgere l’ordinario, l’avvio delle procedure di stabilizzazione dei precari, e la mobilità. “Nel settore tecnico – aggiunge Rizzo – abbiamo già individuato un capo settore a tempo pieno per Urbanistica e Lavori Pubblici che rimarrà fino allo scadere del mandato amministrativo così da rimettere in moto e dare stabilità ad un altro settore essenziale qual è quello tecnico. In arrivo anche un altro responsabile part time a scavalco da altro Ente. Il processo di rimessa in moto degli uffici è ancora lungo ma continueremo a lavorare per rispondere in maniera adeguata alle esigenze dei cittadini”.