Alcamo: la biblioteca si apre alla città

    C’è il caso Dc che scuote l’intera Italia con l’ennesima scissione interna con tanto di discesa in campo in prima persona di De Mita. E non poteva mancare neanche la pagina della storia del pentitismo più importante con Tommaso Buscetta che comincia a parlare e le nubi attorno su un suo presunto tentativo di fuga. Sono solo alcune delle pagine di storia dal secondo dopoguerra in poi che risaltano tra le decine di quotidiani e riviste in esposizione oggi alla biblioteca “Bagolino” del Collegio dei Gesuiti di Alcamo che ha aderito alla giornata nazionale delle biblioteche. La biblioteca alcamese mette soprattutto in mostra l’enorme patrimonio di riviste e quotidiani locali e regionali, di informazione e non. Dallo storico L’Ora passando per “Il Bonifato”, Uil Risveglio, “Incontri” ed anche “L’unione siciliana” diretta allora dallo scomparso senatore Ludovico Corrao. La mostra rimarrà aperta per l’intera giornata di oggi. Sarà possibile quindi riscoprire il gusto di visitare e consultare una biblioteca alcamese che, così come un po’ tutte le strutture simili del territorio siciliano, soffre enormemente e ciò si sconta con la scarsissima fruizione da parte dei cittadini. Ed è proprio in questo contesto che l’amministrazione comunale ha voluto promuovere tale iniziativa, con l’intenzione per l’appunto di rilanciare l’immagine di un apparato quasi ignorato specie dai giovani. Recentemente il Comune di Alcamo ha presenziato ad un vertice alla Regione alla presenza di tutti i responsabili delle biblioteche siciliane. Il giudizio è stato unanime, e cioè la necessità di innovare anche tecnologicamente le strutture per potere attirare le giovani generazioni che alla fine, soprattutto per motivi di studio, sono l’utenza più ambita