Alcamo: integrazione del disabile, croce e delizia

0
289

ALCAMO – La crisi economica da una parte, l’indifferenza dall’altra. Ad Alcamo l’integrazione del disabile rimane ancora un concetto complesso e che trova forti resistenze a livello sociale. L’analisi è arrivata a margine della giornata di incontro per l’integrazione del disabile promossa dal Lions e dal Rotary tra piazza Ciullo e il Collegio dei Gesuiti. Ad essere affrontati nel corso di un convegno appositamente organizzato tutte le problematiche che investono il mondo del disabile, tra carenze, proposte e servizi che al momento vengono garantiti dalle istituzioni, in primis dal Comune che nonostante le difficoltà economiche ed i tagli subiti è riuscito a mantenere lo stesso standard a livello di servizi sociali per i portatori di handicap e le loro famiglie.

Ad essere pubblicizzate anche le attività a sostegno delle famiglie, come l’intervento da parte dell’istituto nazionale di previdenza sociale, oppure i servizi offerti a livello scolastico. Le famiglie dei disabili devono anche affrontare un “mostro” purtroppo quotidiano e incancrenito come la burocrazia, con i tanti enti istituzionali e non che spesso non sono neanche collegati tra loro. E da qui nasce il calvario tra uffici, documenti, carte bollate e infinite attese che potrebbero in realtà essere accorciate ed anche di molto.

A fare da contorno a questo momento di discussione anche il lato ludico, ricreativo e informativo. In piazza Ciullo si è ritrovato infatti il mondo dell’associazionismo che opera a sostegno del disabile quotidianamente facendo importanti sforzi per riuscire a completare la rete assistenziale delle istituzioni. Ad essere presenti con propri stand informativi e dimostrativi “I Girasoli Onlus”, la sezione locale della Croce Rossa, l’associazione “A maiuscola” e lo Iefcostre di Trapani; a fare divertire tutti ci hanno pensato l’accademia Elliot Ballet e la Frappè animazione che hanno organizzato non solo un flash mob ma anche tante attività coinvolgendo i bambini e ragazzini disabili tra disegni, musica, palloncini e soprattutto tanti sorrisi.