Alcamo-Festa patrona, piano sicurezza: no a bevande in bottiglie e lattine

0
305

Scatta oggi il piano di sicurezza da parte del Comune in vista dell’inizio della festa della patrona, Maria Santissima dei Miracoli. Il sindaco Domenico Surdi ha emanato un’apposita ordinanza con cui si vieta ai commercianti del centro storico di vendere bevande in bottiglie di vetro o lattine ed ai cittadini di non spostarsi con questi oggetti in mano. I trasgressori saranno puniti con multe salate. E’ quanto prevede il primo cittadino che ha deciso di introdurre questo divieto oggi e di ripeterlo il girono conclusivo dei festeggiamenti, il prossimo mercoledì 21 giugno. Oggi il divieto scatta dalle 20 e sino alle 6 del giorno successivo e riguarda i luoghi in cui si svolgeranno gli eventi cardine: quindi piazza Ciullo, corso VI Aprile, piazza Bagolino e nelle vie adiacenti e limitrofe. In questi luoghi gli esercenti, sia quelli con postazione fissa che gli ambulanti, non potranno vendere bevande contenute in bottiglie di vetro, in lattine, anche dispensate da distributori automatici. A loro volta in queste stesse zone nemmeno i cittadini potranno tenere in mano bottiglie o lattine. Per cui se la polizia municipale dovesse beccare la vendita di bevande la multa sarebbe non solo per l’attività commerciale ma anche per l’acquirente. Stesso identico divieto anche per il prossimo 21 giugno, giorno conclusivo per cui è prevista la processione del simulacro e i fuochi d’artificio: in questo caso però cambia l’orario in quanto il divieto scatta dalle 22 e sempre sino alle 6 dell’indomani. La decisione intrapresa dal sindaco, su proposta del segretario generale del Comune Vito Bonanno, prende spunta dalla misura che si inquadra tra quelle di “safety” previste dalla nota del Capo della Polizia, Franco Gabrielli. “L’ordinanza sindacale intende rafforzare la sicurezza della cittadinanza alla partecipazione dei principali eventi della festa patronale – asserisce l’assessore alla Polizia municipale, Fabio Butera -. Chiediamo pertanto ai cittadini e agli esercenti di attenersi scrupolosamente alle indicazioni contenute e di non vendere e portare nei luoghi di raduno del concerto e dei giochi pirotecnici alcuna bottiglia di vetro o altri accessori che possano, in caso di panico, causare difficoltà al deflusso e ferite alle persone”. L’ordinanza è stata adottata sulla scorta anche delle esperienze passate ad Alcamo: proprio per le passate edizioni della festa patronale si è verificato un eccessivo abbandono di bottiglie di vetro e lattine che hanno creato disagi e problemi, oltre che rischi alla sicurezza dal momento che i cocci di vetro posso diventare una vera e propria arma.