Alcamo, Bonventre minaccia querela al sen. Giarrusso

0
291

“E’ QUESTA LA LOTTA ALLA CORRUZIONE ED ALLA MAFIA DEL GOVERNO RENZI E DEL MINISTRO ALFANO. Ad Alcamo, una città del “regno” di Matteo Messina Denaro, c’è ormai da più di due anni un sindaco, Bonventre, eletto con soli 39 voti di scarto. Per quella elezione è stato rinviato a giudizio l’ex Senatore del PD Papania accusato dalla magistratura di avere comprato i voti necessari alla elezione di Bonventre. E’ uno scandalo ed una vergogna senza pari, che lo Stato, nelle sue varie articolazioni, non riesca a far prevalere la legge, il diritto e la giustizia. E questo è ancora più grave se accade in terra di mafia, dove tutti adesso dicono sottovoce che Bonventre sarebbe coperto e godrebbe di protezioni altolocate che gli consentirebbero di proseguire il suo illegittimo mandato, malgrado la magistratura ritenga la sua elezione gravemente viziata dai brogli. Ma vi è di più. Il giudice amministrativo ha ordinato una verifica dei voti da oltre un mese incaricando di questo la prefettura ed il funzionario a ciò preposto, invece di precipitarsi a verificare il rispetto delle legge, ha pensato bene di andare in ferie. Questa è l’Italia di Renzi. Una Italia dove Bonventre può sbeffeggiare i cittadini che si sono rivolti allo stato per avere giustizia, rassicurando i suoi sodali che rimarrà tranquillamente in carica sino alla fine del suo mandato. Ancora più grave però, che trascorra addirittura un mese intero, dopo che il giudice amministrativo ha ordinato la verificazione delle schede, senza che l’organo preposto alla verificazione (il Prefetto di Trapani) abbia mosso un dito. La Prefettura di Trapani, interrogata sul punto, ha confermato di avere ricevuto il 20 giugno 2014 la sentenza del giudice amministrativo che ordinava la verifica dei voti (alla ricerca dei voti contrassegnati dolosamente e quindi nulli) e che sino ad ora nulla è stato fatto per dare esecuzione alla suddetta sentenza. Risulta poi che il funzionario prefettizio che sarebbe stato delegato alla verificazione sia andato addirittura in ferie, alla faccia della lotta per la legalità che viene sbandierata ai quattro venti ad ogni manifestazione contro la mafia. Nella terra di Matteo Messina Denaro, lo stato invece di contrastare il voto di scambio, va in ferie. E nessuno paga!

P.S. La doverosa interrogazione urgente è stata sottoscritta da tutti i 40 senatori del Movimento 5 Stelle (non accade sempre, ma solo per quelle che rivestono assoluta importanza)”.

Queste le parole del senatore Giarrusso che hanno provocato lo sdegno del primo cittadino di Alcamo, il quale ha deciso di rispondere e querelare il senatore grillino in merito all’interrogazione presentata al Presidente del Consiglio e al ministro dell’Interno riguardante il presunto voto di scambio ad Alcamo. Questa la nota di Sebastiano Bonventre:

“In uno stato di diritto, la giustizia viene esercitata nella sedi preposte e si esprime con le sentenze. Due sentenze dei tribunali amministrativi hanno già respinto i ricorsi presentati dalla controparte. La sopravvenuta revocazione della sentenza tuttavia ha stabilito modi, tempi e procedure idonee alla verifica delle schede elettorali ponendo quale termine il 30 di settembre e fissando l’udienza finale per il giorno 11 dicembre. Queste sono decisioni della magistratura e ritengo vadano rispettate. Non rispondo in merito al voto di scambio perché al di là della posizione rispettabile della Procura di Trapani questo episodio è tutto da dimostrare e ciò avverrà in una aula di tribunale in data già fissata e mi permetto di far notare come comunque il sottoscritto non sia neppure indagato nella vicenda.
Ritengo altamente lesiva della mia dignità umana, professionale e politica ogni accostamento alla mafia e, nel dubitare che il sen. Giarrusso saprà difendersi evitando di cautelarsi adducendo prerogative parlamentari indicando anche chi siano le personalità altolocate che mi proteggono, annuncio sin da ora querela per diffamazione.
Il sen. Giarrusso potrà facilmente verificare l’esistenza di intercettazioni telefoniche operate dalla DIA di Palermo ove soggetti inseriti nell’organigramma mafioso invitano espressamente a non votare per la mia coalizione bensì per quella del mio avversario nel turno di ballottaggio. E se poi volesse ancora studiare le genealogie di alcuni candidati delle liste a me contrapposte e approfondire alcune loro attività professionali capirebbe forse di avere perso una ottima occasione per tacere. Il mio operato va valutato sui fatti e mi si dovrebbero indicare circostanze in cui si sia mancato di trasparenza o si sia potuto anche vagamente supporre un comportamento illecito.
Potrò anche non essere capace ma credo di aver sempre agito al di sopra di ogni interesse personale che non perseguo neppure godendo di retribuzione per il mandato di sindaco avendo da tempo azzerato per me ogni indennità di carica. Posso garantire di non essere legato ad alcuna poltrona e ad alcuna carica e non resterei un istante di più in caso di documentata presenza di voto di scambio anche perché nella vita di tutti i giorni, nella mia professione di medico e docente universitario, è difficile per fortuna avere a che fare con persone come il sen. Giarrusso che fanno della sterile propaganda oggetto di pseudoverità.
Con amarezza e disgusto
Sebastiano Bonventre”

The worst part though is during the last half of the final episode
lous vuitton speedy How To Reinvent Yourself During Your First Week at College

designs found in men bracelets
woolrich jassenRequest Alternative to these awesome socks