Voto a ottobre e Nicolosi ci ripensa. Rimarrà sindaco di Corleone, dimissioni ritirate

Il sindaco di Corleone, Nicolò Nicolosi, dopo l’invito lanciato dai sindaci del territorio e soprattutto all’indomani del rinvio delle amministrative a ottobre, ha deciso di ritirare le dimissioni che aveva presentato lo scorso 8 marzo, a seguito della vicenda del vaccino cui si era sottoposto a gennaio, insieme ad alcuni membri della giunta, pur non avendone diritto.

Nell’ultima conferenza dei capigruppo consiliari, cui ha preso parte anche ‘Ciccio’ Nicolosi, tutti i rappresentanti del massimo consesso civico corleonese hanno sottoscritto un documento in cui hanno invitato il sindaco a continuare il percorso intrapreso anche e soprattutto “alla luce di un’attenta analisi dei fatti politici, personali e amministrativi che hanno investito la città di Corleone negli ultimi 30 giorni“. Il consiglio comunale aveva già chiesto il ritiro delle dimissioni all’unanimità durante la seduta del 15 marzo.

Nicolosi ha quindi deciso di revocare le dimissioni e di rimanere al suo posto. In un messaggio scritto ai corleonesi ha anche annunciato di voler rinunciare a procedere per le vie legali contro chi, in occasione della vicenda ‘furbetti del vaccino’, si era espresso in maniera offensiva sui social. Il primo cittadino ha quindi auspicato il ritorno in città e nella politica di un clima più disteso. “Personalmente sento il dovere di proseguire con dedizione ancora più grande – ha concluso – perché a Corleone possano trovare concreta realizzazione le grandi opere avviate e da inaugurare tra l’anno in corso e il prossimo”.