“Voglio la mia vita americana”, presentazione ad ampio raggio del libro di Angela Bambina

L’emigrazione, i tanti punti interrogativi di un trasferimento in una terra sconosciuta, l’abbandono degli amici e spesso anche della famiglia, la nostalgia del paese natio, il coraggio di riuscire, le paure e le speranze. Tutti aspetti e sentimenti che una volta, ai primi anni del ‘900, riguardavano i siciliani che andavano oltreoceano alla ricerca di una vita americana e che oggi, corsi e ricorsi storici, sembrano appartenere ai migranti che raggiungo l’Italia. Ci sono, ovviamente i dovuti distinguo, ma tanto c’è di simile. Anche su questo si è basato l’intervento del dirigente scolastico Giacomo Raspanti che ha preso arte alla presentazione del romanzo di una sua ex docente, Angela Bambina. “Voglio la mia vita americana”, edito da Abra Books, contiene sulla copertina anche un ossimoro che provoca maggiore curiosità: “romanzo di una storia vera”.

Di certo il libro che racconta dell’emigrazione di Lorenzo e della sua Angela, alcamesi vissuti nei primi del ‘900, è nato per uno specifico motivo così come spiegato dalla sua scrittrice, già nota per essere una commediografa in lingua siciliana. Mettere per iscritto una storia che altrimenti rischierebbe di perdersi. La storia della famiglia di Angela Bambina e di tante altre famiglie siciliane alle prese con i rischi e le difficoltà del ‘sogno americano’. Emigrazione ma anche coraggio e poi richiamo della propria terra, stessi aspetti che hanno pure riguardato la famiglia del sindaco di Alcamo, Domenico Surdi, che nel suo intervento ha raccontato proprio questo e apprezzato la volontà dell’autrice, quella di scrivere per non dimenticare.

Nel corso della presentazione di ‘Voglio la mia vita americana’, alla quale è intervenuta anche l’assessore alla cultura Donatella Bonanno, sono stati affrontati anche i temi della scuola molto acri al dirigente Raspanti e alla scrittrice Angela Bambina. Focus sul rapporto docente-alunno con il primo chiamato a trasmettere valori e non soltanto nozioni. Una presentazione che è diventa una sorta di convegno in grado di affrontare svariati argomenti. Un pomeriggio particolarmente apprezzato dagli alcamesi che hanno riempito il centro congressi Marconi.