Violenza contro le donne, nel segno di Ana per dire no alle violenze

0
812

Nel segno di Ana Maria Di Piazza, la donna vittima dell’ennesimo femminicidio che si è consumato nelle campagne tra Balestrate e Partinico. Un delitto che sarebbe stato commesso dall’imprenditore di Partinico, Antonino Borgia a colpi di coltello mentre la povera Ana chiedeva pietà anche per quel corpicino che portava in grembo, frutto della storia che avrebbe avuto con il suo assassino. Grazie alla collaborazione di tante persone e dalle riprese della videosorveglianza è stato dato un nome e un volto al presunto autore dell’efferato delitto, conosciuto per la sua attività non solo nel Partinicese. “La violenza sulle donne purtroppo non conosce confini geografici, distinzioni di classe o di età: è iscritta in tante singole biografie. In ogni sua forma, fino all’omicidio, non è mai un fatto privato nè solo conseguenza di circostanze e fattori specifici, ma si inscrive in una storia universale e radicata di prevaricazione sulla donna”. E’ il messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, che si celebra oggi. Tantissime le manifestazioni per fenomeno che raggiunge in Italia tragici. A luglio scorso erano già 130 i femminicidi registrati nei dodici mesi precedenti. “Una media di 150 l’anno, quasi uno ogni due giorni”. Le sentenze ci dicono che sul totale delle condanne per omicidi di donne, l’85 per cento sono classificabili come femminicidio, perché avvenuti in ambito familiare o all’interno di relazioni sentimentali poco stabili. Nel 2017 sono state 2.018 le sentenze definitive per violenza sessuale, 1.827 quelle per stalking”. Per questo l’intervento del Presidente della Repubblica, quest’anno, insiste soprattutto sulla prevenzione e sulle denunce. Ma quando si denuncia le autorità debbono intervenire immediatamente per evitare, per come è accaduto, conseguenze estreme. Donne che portano ferite indelebili, nel corpo e nell’anima. Intento oggi si tiene l’udienza di convalida di Antonino Borgia. Sempre oggi la Procura conferirà l’incarico al medico legale per l’autopsia sul cadavere della giovane uccisa. L’esame sarà eseguito all’istituto di medicina legale del Policlinico. La giovane aspettava un bambino dal suo assassino e lascia un bambino di 11 anni. Per il giorno dei funerali il sindaco di Giardinello Antonio De Luca ha proclamato il lutto cittadino. In provincia di Trapani in ogni città manifestazioni. A Trapani un camper della questura e ad Alcamo oggi al centro congressi Marconi, sempre nel programma delle iniziative contro la violenza sulle donne, una mostra della Croce rossa al centro congressi Marconi dove sempre oggi il club service alcamesi hanno organizzato varie iniziative