Turano v/s Bonventre, botta e risposta

0
347

Non usa mezzi termini il deputato regionale Mimmo Turano che accusa il sindaco Sebastiano Bonventre di aver effettuato il “rimpasto di giunta per coprire le evidenti difficoltà amministrative”, e commenta affermando che quando “si tenta di mischiare le carte ci si avvia verso un lento ed inesorabile declino, che la città di Alcamo non merita e non può sopportare di fronte ad una crisi economica e sociale devastante.

Il Sindaco Sebastiano Bonventre ha tutto il diritto di utilizzare le migliori risorse di questo territorio, ma deve farlo nella chiarezza di linea politica e comportamentale.

Turano punta il dito contro “il tentativo, maldestro, di entrare nel “campo avversario” definendolo “un’operazione politica senza prospettiva e senza futuro”. La politica, – continua il deputato regionale – seppur in declino, seppur bistrattata e con un deficit di credibilità, continua ad avere le sue regole, anche comportamentali. Il Sindaco Bonventre ha deciso di non rispettarle e di schiacciarle alle sue esigenze.

La democrazia si legittima attraverso il confronto e non con manovre di corto respiro che servono soltanto a garantire la politica dell’immagine”.

E conclude augurando “ai nuovi Assessori ed al Sindaco Bonventre di dare una svolta nella gestione della cosa pubblica”, anche se si dice “sempre più convinto che l’attuale amministrazione non sia in grado di affrontare le sfide del momento”, confermando, infine che l’Udc rimane all’opposizione e che lavorerà perché ad Alcamo si possano costruire le condizioni per una svolta politica e di governo nell’interesse dei concittadini e della città.

Non si è fatta attendere la replica al vetriolo del sindaco, il quale ha tenuto ad evidenziare che “essere additato quale esperto di politica fallimentare da una assoluta autorità in merito come l’On. Turano è, alla luce dei guasti prodotti dalle sue amministrazioni, quali il molto probabile dissesto finanziario della Provincia di Trapani e lo stato della S.P. 47- di cui oggi i cittadini piangono le conseguenze, solo per parlare del nostro territorio – dice Bonventre – fa comunque, riflettere e induce a ritenere che se si è, da questa Amministrazione Comunale, ad oggi fatto il contrario di quanto da Lui chiesto e auspicato, probabilmente si è intrapreso un percorso amministrativo virtuoso”.

E conclude con una frase caustica: “quest’Amministrazione Comunale sarà sempre disponibile verso coloro che mettono al centro del loro operare la parola “Alcamo” e non il pronome “io””.