Trappeto: museo di arte a cielo aperto

Il centro storico di Trappeto si trasforma in un museo di arte contemporanea a cielo aperto. Tra installazioni e videoproiezioni realizzati da artisti di fama internazionale provenienti da tutta Italia. Oggi e domani Trappeto sotto i riflettori dell’arte nel nome del grande sociologo Danilo Dolci, che nel paesino marinaro ha vissuto e portato avanti una serie di iniziative che lo hanno portato a sfiorare il Nobel per la pace, come ad esempio la realizzazione del centro studi internazionale “Borgo di Dio”. L’iniziativa è dell’associazione “Dolci note” che ha voluto organizzare questa rassegna di arte e cultura proprio nel solco dell’esperienza di Dolci. Tra gli organizzatori artisti che hanno partecipato in prima persona ai laboratori negli anni ’80 al Borgo di Dio, pochi anni prima che poi questa esperienza si interrompesse. Tantissime le iniziative che tra oggi e domani saranno organizzate, con tanto di laboratori artistici anche per i bambini, yoga e meditazioni.Ci sono opere davvero suggestive: dalla cornice che inquadra idealmente lo sfondo del mare trappetese, ai murales. Uno di questi nelle scalinate ed incarna uno dei pensieri fondanti di Danilo Dolci. Questa iniziativa è stata supportata dalla Fondazioen con il sud, la stessa che sta portando avanti la ristrutturazione del Borgo di Dio che oggi versa nel più totale degrado. I lavori sono in fase di avanzamento e stanno procedendo come da tabella di marcia, per cui si prospetta che entro l’autunno prossimo parte dell’immobile sarà nuovamente fruibile. Questa collettiva d’arte quindi si va perfettamente ad incastonare con l’idea di recuperare l’arte di Dolci che potrà essere nuovamente riportata all’interno del Borgo