Trappeto, Lungomare deturpato dai vandali

0
401

TRAPPETO. Mesi e mesi per addobbare e rendere accogliente il centro storico e le piazzette. Sono scesi in strada i bambini delle scuole, gli amministratori e i consiglieri comunali in prima persona, oltre che semplici cittadini e le associazioni di volontariato. Rastrelli, scope, secchi, pompe d’acqua e pale per strappare al degrado intere aree del paese. Ora che il lavoro era quasi concluso un raid vandalico ha indignato un’intera comunità. Gli artistici vasi in terracotta, contenenti diverse piante ornamentali, sono stati letteralmente frantumati. In tutto sono stati demoliti tre vasi nella zona di maggior concentrazione pedonale del paese, il Lungomare, luogo di ritrovo e passeggio con un’elevata presenza di esercizi commerciali e dove vengono realizzate le maggiori manifestazioni culturali e ricreative. “Il danneggiamento di questi tre vasi – commenta il sindaco Pino Vitale – mi lascia alquanto amareggiato. Questo è uno sfregio morale e materiale al nostro paese e verranno presi seri provvedimenti nei confronti dei responsabili. Invito tutti i cittadini a collaborare”. L’episodio è stato denunciato alla locale stazione dei carabinieri ovviamente contro ignoti. Pare che però qualche residente abbia visto qualcosa: sarebbero stati avvistati due motorini scorazzare su tutto il lungomare i cui occupanti con delle pedate hanno abbattuto i vasi. Un residente del Lungomare, Pietro Scardino, racconta anch’esso di essere stato danneggiato: “Anche davanti casa mia – sostiene – è stato danneggiato uno dei nostri vasi che era esposto davanti l’ingresso. Un gesto di inciviltà che offende la nostra comunità e tutte le persone perbene”. Visibilmente stizzito il sindaco per quanto accaduto, tra l’altro proprio in queste giornate in cui nel paesino marinaro si riversano migliaia di turisti e villeggianti. Un episodio che finisce per intorbidire l’immagine di Trappeto: “Tanti sacrifici portati avanti da parte dei volontari sono andati in frantumi – sostiene Vitale – Ci tengo a sottolineare che i vasi sono stati acquistati di tasca nostra e non è l’aspetto economico a preoccuparmi ma la mancanza di senso civico”. Recentemente con queste operazioni di volontariato il Comune è riuscito a rimettere in sesto piazza Pietrè e piazza Municipio e tanti altri piccoli luoghi di ritrovo, oltre che lo stesso Lungomare. In particolare nella piazzetta antistante la casa comunale è stata pulita dai rifiuti e riattivata la fontana, abbellita con vasi, monumenti di artisti locali e nuove essenze arboree compatibili con il clima siccitoso siciliano. Alle operazioni hanno partecipato personalmente il sindaco e l’assessore Salvo Randazzo, che hanno aiutato a rizzollare il terreno delle aiuole, piantumando piante e fiori.