Trapani: stabilizzazione precari, dichiarata “guerra”

0
520

TRAPANI – La Cisl Fp ha avviato, come viene definita in una nota inviata a tutti i lavoratori precari degli enti pubblici della provincia di Trapani, la “vertenza” per la stabilizzazione di questa tipologia di personale attraverso quella che viene definita una “vera e propria azione legale”. “Alla fine dell’anno in corso – commenta il segretario provinciale della Cisl Fp Marco Corrao – scadranno i contratti di migliaia di precari in servizio presso numerosissime pubbliche amministrazioni della Sicilia e soltanto in provincia di Trapani se ne contano 4 mila e 700. Precari che si ritrovano, dunque, ancora una volta a dover vivere l’attesa per l’ennesimo rinnovo dei contratti, a dispetto delle tante promesse e degli svariati annunci circa una loro stabilizzazione”. A tal proposito, nei prossimi giorni, saranno organizzate diverse assemblee nel corso delle quali il sindacato illustrerà il percorso che intenderà perseguire. “Un percorso – evidenzia Corrao – “alternativo e parallelo” al tavolo tecnico avviato dalle organizzazioni sindacali con il governo regionale”. Il sindacato chiede che nel corso delle riunioni i lavoratori si presentino muniti di copie di tutti i contratti di lavoro firmati fin dalla prima assunzione, dei certificati di servizio, delle delibere degli enti locali di appartenenza relative a eventuali stabilizzazioni, proroghe o rinnovi, delle piante organiche, di eventuali integrazioni orarie e salariali. Una vertenza che sta parallelamente seguendo da tempo anche la Cgil che promette guerra alle pubbliche amministrazioni, specie alla Regione che continua a minacciare mancati rinnovi perché non ci sarebbero fondi a sufficienza in bilancio. Problemi di cui non vuole sentir parlare la Camera del Lavoro trapanese, intenzionata seriamente a dichiarare guerra ad enti locali e sovracomunali