Trapani: sgominata baby gang nel centro storico.

0
518

Grazie ad alcune segnalazioni dei cittadini, i Carabinieri di Trapani hanno denunciato undici ragazzi, di cui due maggiorenni, ritenuti responsabili di una violenta aggressione avvenuta in Piazza Vittorio. Infatti la baby Gang lo scorso 3 gennaio, avevano picchiato un 23enne la cui unica colpa era stata quella di finire sulla loro strada. Il giovane mentre stava passeggiando per il centro era stato accusato di aver urtato una ragazza, in “difesa” della quale sono arrivati gli altri componenti del gruppo che, senza sentire ragioni, hanno assalito il ragazzo colpendolo ripetutamente con calci e pugni. Il ragazzo ha riportato varie lesioni tra cui il setto nasale rotto ed è stato dimesso dall’ospedale con una prognosi di 20 giorni. A farne le spese anche due amici del giovane che intervenuti per sedare la lite sono stati fatti oggetto di percosse da parte del “branco”. Ed ancora I Carabinieri hanno denunciato tre persone, due ragazzi e una ragazza, ritenuti responsabili di una rapina perpetrata lo scorso dicembre nel centro storico. I tre avevano costretto la vittima, un 27enne di Trapani, a salire in macchina con loro e, dopo averlo condotto in un posto isolato, lo avevano picchiato asportandogli il portafogli.

Sempre nel mese di dicembre i Carabinieri del Capoluogo, nel corso dell’attività di pattugliamento nelle vie del centro storico, avevano tratto in arresto un 24enne di Erice che aveva accoltellato un ignaro passante. La vittima, un 53enne trapanese, a seguito delle lesioni riportate era ricorso alle cure mediche con una prognosi di diciotto giorni. I miliari hanno dovuto gestire anche momenti di tensione allorquando nel corso di uno dei controlli effettuati in piazza Lucatelli, dove si registra la maggiore presenza di giovani, uno di questi, in preda ai fumi dell’alcool, ha oltraggiato e minacciato i Carabinieri che avevano sottoposto a controllo un suo amico trovato in possesso di uno spinello. Sono quindi scattate una denuncia per resistenza e minaccia a Pubblico Ufficiale e una segnalazione alla Prefettura per possesso di stupefacenti per uso personale.