Alcamo: furto al Cristal bar, ritrovata l’auto della banda

0
330

ALCAMO. Prosegue senza sosta l’attività dei carabinieri di Alcamo a caccia della banda che la notte tra giovedì e venerdì ha saccheggiato il Cristal bar di piazza Ingham con estrema violenza. E’ stata ritrovata l’auto utilizzata dai tre malviventi, affrontati oltretutto dal proprietario dell’attività. Si tratta di un Bmw dal colore grigio scuro con il lunotto posteriore frantumato, abbandonato nei pressi dell’uscita autostradale di Balestrate, lungo il selciato della strada provinciale 63 che collega Partinico con Balestrate. A fare la scoperta, a seguito di una segnalazione, sono stati i carabinieri della Compagnia di Partinico che adesso stanno collaborando con i colleghi di Alcamo per riuscire ad individuare gli autori del furto. L’auto è stata utilizzata dalla banda per mandare in frantumi la porta in vetro e legno del bar: in questo modo i tre, secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti, sono riusciti a penetrare all’interno del bar portando via con sé quasi tutta la scorta di tabacchi per un valore all’incirca di 5 mila euro. I carabinieri stanno stringendo sempre di più il cerchio attorno ai malviventi. L’auto infatti risulta essere stata rubata nei giorni scorsi a Partinico. Essendo oltretutto stata ritrovata a Balestrate, con ogni probabilità i carabinieri sono convinti che gli autori dl furto possano essere di Partinico o comunque del comprensorio. Il fatto che abbiano abbandonato l’auto proprio a Balestrate fa presumere che i tre siano tornati indietro verso casa, aiutati ovviamente da qualche altro complice. I militari dell’Arma stanno passando al setaccio le banche dati di tutti i pregiudicati del territorio in modo da ulteriormente restringere il campo dei sospettati. Sono state oltretutto visionate le immagini delle telecamere di videosorveglianza installate al bar. Si vede praticamente tutta la scena del furto ma non ci sono particolari indicazioni in più sui tre malviventi, i quali sono entrati in azione con il volto coperto da un passamontagna. Secondo la ricostruzione dei militari dell’Arma la banda, arrivata sul posto in auto, ha sfondato con il cofano del mezzo la porta d’ingresso. Una volta dentro ha caricato la macchina di tabacchi, unico loro obiettivo dal momento che non hanno nemmeno toccato il registratore di cassa o altro. I malviventi non hanno fatto i conti con il sistema di allarme che è subito scattato, avvisando al telefono cellulare uno dei proprietari che abita lì vicino. Giunto sul posto il gestore, alcamese di 35 anni, ha sorpreso i tre ladri mentre erano ancora intenti a caricare l’auto di tabacchi. Ha provato a fermarli ma uno di loro lo ha aggredito e dopo una breve colluttazione lo ha scaraventato a terra. Quindi i tre hanno messo in moto e si sono dileguati. Il titolare del bar a quel punto ha avvisato i carabinieri a cui ha fatto la ricostruzione dei fatti. Essendo buio e avendo il volto coperto lo stesso esercente ha potuto dare poche indicazioni fisiche dei tre malviventi.