Trapani, esercitazione militare della Nato con base a Birgi

L’esercitazione militare della Nato denominata “Trident Juncture 2015” è la più imponente dalla fine della guerra fredda. L’operazione avrà una delle sue principali basi operative nell’aeroporto militare di Trapani Birgi, sede del 37° Stormo. “La scelta di Trapani – informano dall’Aeronautica militare – è stata presa per motivi logistici, operativi e di distanze percorribili per ottimizzare le risorse a disposizione”. E queste sono ingenti: 36 mila militari di 30 paesi, 190 aerei, 60 unità navali. L’esercitazione scatterà mercoledì prossimo e si protrarrà sino al 6 novembre. Cinquemila i militari italiani impegnati, decine di  aerei da caccia F 16 greci, polacchi e canadesi, Amx, Tornado italiani e un C 130 da ricognizione canadese, già in azione per la guerra in Libia di quattro anni fa. Il Ministero italiano della difesa assicura “che non ci saranno disagi e interferenze con le normali  attività dell’aeroporto civile”. Intanto stamane  all’aeroporto miliare di Birgi, alla presenza di alti ufficiali della Nato,  si è svolta la cerimonia di accoglienza che apre ufficialmente le operazioni. L’esercitazione forse non a caso si svolge nel Mediterraneo a causa delle guerre in atto e per le attività criminali dell’Isis. Intanto protestano le associazioni dei pacifisti che per hanno organizzato una manifestazione contro le guerre e la Nato a partire dalle ore 15 sul lungomare Boeo di Marsala.