Trapani: carenza psicologi, problema atavico

0
338

Gli psicologi siciliani vanno verso il rinnovo delle elezioni. Tanti i problemi da affrontare e risolvere per la categoria e specificatamente per la provincia trapanese uno dei principali resta quello della carenza di queste figure a supporto delle strutture pubbliche, in primis per ciò che concerne il carcere di San Giuliano quasi sprovvisto di queste professionalità. Queste e tante altre incombenze attendono il nuovo Ordine le cui elezioni si svolgeranno il 6,7 e 8 dicembre prossimi. Alle ultime elezioni, che si sono svolte nel dicembre del 2009, hanno votato direttamente al seggio o con il voto per corrispondenza, 1.715 su 4.881 aventi diritto; una buona percentuale che ha permesso alla Sicilia di mantenere il primato di essere l’unica fra le regioni con un numero di iscritti superiore a 2.000 a raggiungere il quorum al primo turno. Si ritorna alle urne con regole più stringenti per il voto per corrispondenza, dopo le polemiche dello scorso anno inerenti e presunte maglia larghe per l’accettazione di questo tipo di preferenze. Oggi gli iscritti all’Ordine degli psicologi sono saliti a 6.400 e quindi per raggiungere il quorum serviranno 2.134 voti validi. Urne aperte nell’unica sede aperta in Sicilia che si trova a Palermo dalle 10 alle 19. Tra le liste che si presentano ai nastri di partenza c’è l’agguerrita “Passione e partecipazione” che propone quattro punti fondanti per il suo programma: promozione della figura dello psicologo, servizi per l’avvio alla professione, servizi per i professionisti e potenziamento della comunicazione e dell’interazione fra l’Ordine e gli iscritti. Traspare tra i candidati la voglia di cambiamento e rinnovamento