Teatro, all’alcamese Carlo Suppa riconoscimento per miglior monologo

L’alcamese Carlo Suppa, impiegato Enel, ma con la passione per il teatro, è uno dei due siciliani scelti dalla Fita, Federazione italiana teatro amatoriale, per partecipare alla finale del concorso Mono-video-contest, che si terrà prossimamente ad Ostia. L’altra selezionata è  Rosaria Giordano della Compagnia Koinè di Venetico Marina.  Carlo Suppa è uno dei giovani attori di punta del Piccolo teatro, diretto da Franco Regina. La scelta per la recita di Carlo Suppa  del monologo “Lettera di Manfredi Borsellino al padre” durante la commemorazione della strage di via D’Amelio, ad Alcamo in  piazza Falcone e Borsellino lo scorso luglio. Carlo Suppa scoprì la passione per il teatro quando aveva 5 anni e recitò in una commedia con Gianfranco Jannuzzo al teatro Cielo nell’ambito della Rassegna della prosa e del teatro. Da tre anni è intensamente impegnato e i suoi cavalli di battaglia sono stati “Il cappello di carta” e “Palace Hotel”.  Il giovane attore parteciperà quindi al Festival nazionale del monologo. Ancora un riconoscimento al Piccolo teatro di Alcamo. Ricordiamo che lo scorso anno Irene Filippi ha vinto il Premio Ulisse, indetto dalla Fita, quale migliore attrice siciliana del teatro amatoriale. Lo scorso anno nomination anche per Franco Regina, Giuseppe Lipari e per lo stesso Carlo Suppa. Nel recente passato riconoscimenti a Chiara Calandrino. Esprime soddisfazione “per questo altro importante traguardo raggiunto” il direttore artistico e regista Franco Regina.