Tante manifestazioni dell’ANPI per il 25 aprile. Una nuova stele a Trapani

Ad Alcamo deposizione di un fiore, nel pomeriggio di domenica alle ore 16, al monumento dei caduti. A Castellammare del Golfo, invece, in mattinata alle 10 deposizione di una corona di alloro alla presenza di esponenti dell’ANPI, l’associazione nazionale partigiani italiani. Momenti celebrativi, per il 25 aprile, festa della Liberazione, anche a Campobello, Erice, Marsala, Castelvetrano, Paceco, Valderice, Salemi, Mazara del Vallo e Favignana. Le manifestazioni principali organizzate dall’ANPI si terranno però a Trapani.

Nel capoluogo, domenica mattina alle ore 10, nel giardinetto attiguo alla Piazza Martiri d’Ungheria sarà scoperta la stele realizzata dai partigiani a perenne ricordo della lotta di Liberazione e dei Martiri della Resistenza. Con questa iniziativa, l’ANPI completa un programma ed una idea che la sezione di Trapani ha messo al primo posto fin dall’inizio della sua attività, alcuni anni fa, e che per mille ragioni ha visto la frapposizione di ostacoli di diverso tipo e che finalmente diventa realtà.

“A questo progetto siamo stati spinti dalla avvertita necessità che anche nella nostra Città, così come è avvenuto nella maggior parte dei comuni italiani, – si legge in una nota dell’ANPI –fosse presente un ‘Cippo’ ad imperitura memoria del grande movimento liberatorio che è stata la Resistenza italiana, alla quale hanno partecipato anche decine di partigiani trapanesi, restituendo al nostro Paese la libertà e la Costituzione”.

A causa della emergenza sanitaria pandemica e delle necessarie misure di contenimento a Trapani, come dappertutto, si tratterà di manifestazioni molto semplici e con una partecipazione minima. Quindi non saranno presenti gli iscritti all’ANPI, oltre 600 in tutta la provincia, e neppure quei cittadini che vorrebbero presenziare. La delegazione sarà composta da un numero minimo di dirigenti, ai quali si affiancheranno i rappresentanti istituzionali: Comune, Prefettura, autorità militari.