Sicilia, riaprono parrucchieri, bar, ristoranti, hotels . Musei e piscine dal 25, teatri all’aperto dall’8 giugno

A partire da oggi nuove regole per la fase 2 con differenziazioni anche tra le varie regioni. In Sicilia una serie di disposizioni  meno restrittive, ma non troppo, rispetto alle regole nazionali, a partire dall’apertura delle palestre sin da domani, con una settimana di anticipo rispetto alla maggior parte delle altre regioni. In Sicilia hanno riaperto al pubblico le attività di somministrazione di alimenti e bevande quali ristoranti, trattorie, pizzerie, pub, self-service, bar, pasticcerie, gelaterie, rosticcerie e similari. Per gli stabilimenti balneari e le spiagge sono cominciati i lavori per l’apertura e anche l’utilizzazione degli spazi finalizzata alla promozione e vendita dei propri servizi.

Sono anche consentite le attività turistiche, le attività alberghiere ed extralberghiere, compresi gli alloggi in agriturismo, B&B &, villaggi turistici, campeggi, case vacanza e similari, nel rispetto delle Linee guida. Acconciatori, barbieri ed estetisti potranno lavorare anche a domicilio. Sono sospese invece le attività dei centri benessere – compreso l’uso di saune e bagni turchi in altri luoghi pubblici o aperti al pubblico – e dei centri termali, ad eccezione per la erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza. Da oggi aperti tutti i negozi compresi centri commerciali e outlet. Riaprono anche le autoscuole con le esercitazioni pratiche ove i mezzi utilizzati consentano il rispetto delle misure di prevenzione del contagio.

Musei, archivi storici e biblioteche saranno aperti al pubblico a partire dal 25 maggio 2020. Già aperti invece parchi archeologici e i luoghi di cultura all’aperto. Le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli, con la presenza di pubblico – ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico e fieristico -, nonché ogni attività convegnistica o congressuale, in luogo pubblico o aperto al pubblico, sono autorizzate a partire dall’8 giugno 2020, fermo il monitoraggio delle attuali condizioni epidemiologiche dell’Isola. Dalla stessa data è autorizzata l’apertura delle discoteche, dei teatri e dei cinema all’aperto, per le quali attività dovranno essere emanate apposite linee guida regionali.

Gli spostamenti all’interno del territorio regionale non sono soggetti ad alcuna limitazione, rimanendo l’obbligo di osservanza delle misure di contenimento del contagio. Resta esclusa la mobilità extraregionale. Sono consentite tutte le attività sportive individuali, ovvero con un accompagnatore per i minori e le persone non autosufficienti, purché nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale e delle norme relative al contenimento del contagio. Le piscine saranno aperte a partire dal 25 maggio. Infine uso della mascherina. E’ obbligatorio nei luoghi pubblici e aperti al pubblico. Il dispositivo protettivo deve, comunque, essere sempre nella disponibilità del cittadino nella eventualità in cui ne sia necessario l’utilizzo.